QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 21°32° 
Domani 21°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
venerdì 01 luglio 2016

Attualità mercoledì 20 gennaio 2016 ore 18:35

Il Giardino della Meditazione di Stabbia

Un percorso espositivo per ricordare e condividere la memoria delle persone vittime del II conflitto mondiale e quindi anche dell’Eccidio del Padule

CERRETO GUIDI — L’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca, all’interno del cosiddetto “Remembrance Path”, elaborato per ricordare e condividere la memoria delle persone vittime del secondo conflitto mondiale, e quindi anche dell’Eccidio del Padule di Fucecchio, avvenuto, com’è noto, il 23 agosto 1944, ha deciso di finanziare il progetto denominato “I Luoghi Dell’eccidio, Per Una Memoria Condivisa” (già denominato progetto “Vincio Vecchio”), presentato dall’Amministrazione Comunale di Cerreto Guidi con l’obiettivo di valorizzare il luogo di Stabbia che conduce al “Giardino della Meditazione”. 

Analoghe iniziative per la condivisione della memoria si sono svolte nei Comuni di Fucecchio e Ponte Buggianese e il prossimo 23 gennaio, a Monsummano Terme. Il Comune di Cerreto Guidi ha realizzato, con un significativo contributo dell'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, un percorso espositivo all’aperto che, in merito al tragico evento dell’Eccidio del Padule di Fucecchio, renda evidente al visitatore la ricostruzione degli eventi e delle loro drammatiche conseguenze nel “comune sentire” delle popolazioni che lo subirono.

 L’inaugurazione del percorso espositivo si terrà martedì 2 febbraio 2016, alle 10 alla presenza di Stefan Schneider, Capo Ufficio culturale dell'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania e di Simona Rossetti, sindaco del Comune di Cerreto Guidi. Parteciperanno i ragazzi delle classi terze della scuola media e alcune classi della primaria di Stabbia.

La presenza dei ragazzi delle scuole - dice il sindaco Simona Rossetti - è fondamentale perché il lavoro sulla memoria va fatto soprattutto con loro. Vorrei ringraziare sentitamente la Repubblica federale tedesca: un altro segno importante che da quel tragico passato si possa costruire collaborazione e unitarietà di intenti per un futuro di pace. Abbiamo pensato che il giardino della meditazione si potesse arricchire di pannelli espositivi per permettere, a chiunque arrivi in questi luoghi, di avere traccia di ciò che è successo 71 anni fa. Una tragedia che, come Amministrazione comunale, dobbiamo e vogliamo ricordare, per evidenziare la brutalità di ogni guerra e la necessità di impegnarsi – come Cittadini, come Comunità, come Paese - per riuscire ad individuare soluzioni pacifiche ai dissidi e ai conflitti, cercando attivamente la collaborazione, la cooperazione e la convivenza democratica”.

Il percorso espositivo si compone di 12 pannelli complessivi (di cui 10 all'interno del Giardino della Meditazione, uno all'inizio del percorso denominato "Vincio Vecchio", che conduce al Giardino, e un altro in piazza XXIII agosto a Stabbia). I pannelli con foto e testi, sono collocati in altrettante bacheche realizzate in materiale ligneo trattato, così da poter essere esposte all’azione degli agenti atmosferici senza subirne danno e senza richiedere una costosa ed assidua manutenzione.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità