QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 17°29° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 27 giugno 2016

Attualità martedì 09 febbraio 2016 ore 10:30

HospitalMente apre con lo scrittore Andrea Vitali

Incontri, confronti, idee in ospedale. Il primo appuntamento l’11 febbraio al “San Giuseppe” con uno degli autori italiani più amati dal pubblico

EMPOLI — Lo scrittore e medico Andrea Vitali inaugurerà il primo appuntamento di “HospitalMente – Incontri, confronti, idee in ospedale” in programma al “San Giuseppe” di Empoli, giovedì 11 febbraio alle 17, nei locali della biblioteca dell’ospedale di via Boccaccio (II piano, blocco D).

L’incontro, condotto da Giuseppe Lombardo direttore del dipartimento medico e da Marisa La Vecchia della Libreria Rinascita di Empoli, sarà l’occasione per confrontarsi con l’autore sulla sua opera narrativa a partire dall’ultimo romanzo Nel mio paese è successo un fatto strano (Salani Editore) in libreria da domani, giovedì 28 gennaio.

Forte del successo del progetto sperimentale “INCONTRIamoci IN PIAZZETTA”, che ha portato al “San Giuseppe” di Empoli autori del calibro di Fabio Genovesi e Marco Malvaldi per citarne solo alcuni, la ex Asl 11 ha messo in cantiere un nuovo calendario di appuntamenti con alcune novità, pur mantenendo intatta la motivazione di fondo di una simile iniziativa: approfondire specifiche tematiche sanitarie, garantire la socialità dei pazienti, instaurare un "clima attivo" per i pazienti ed i loro familiari, creare opportunità per l'occupazione del "tempo libero" e la socializzazione, rinforzare la relazione paziente-curanti, contribuire al miglioramento della qualità di vita dei pazienti e a una più rapida guarigione, limitando le conseguenze dell'inattività fisica, della sindrome depressiva legate al ricovero e promuovendo corretti stili di vita, in un luogo come quello dell’ospedale in cui l’assistenza sanitaria e la cura dei malati sono i tratti distintivi di chi ha a cuore la salute dei cittadini ad ampio raggio.

L’iniziativa, che non comporta alcun impegno economico per la ex Asl 11 grazie alla sensibilità di scrittori e di quanti hanno manifestato interesse per il progetto, debutta, dunque, con una nuova veste grafica, un nuovo titolo, una nuova sede anche se sempre all’interno dell’ospedale.

L’11 febbraio sarà, quindi, Andrea Vitali, uno degli autori italiani più amati dal pubblico e vincitore di prestigiosi premi, a dare il via a una nuova stagione di eventi di approfondimento di vario genere (sanitari e non solo) in ospedale quali strumenti di conoscenza per costruire in maniera naturale un sano sistema di anticorpi contro qualsiasi forma di “malattia” del quotidiano.

Scheda bio-bibliografica di Andrea Vitali

Dopo aver frequentato «il severissimo liceo Manzoni» di Lecco, Andrea Vitali si laurea in medicina all'Università Statale di Milano ed esercita la professione di medico di base nel suo paese natale.

Scrittore molto prolifico, ha esordito nel 1990 con il romanzo breve Il procuratore, ispiratogli dai racconti di suo padre; nel 1996 ha vinto il “Premio letterario Piero Chiara” con L'ombra di Marinetti, ma il grande successo lo ha ottenuto nel 2003 con Una finestra vistalago (“Premio Grinzane 2004”).

Nel 2006 ha vinto il “Premio Bancarella” con il romanzo La figlia del Podestà; nel 2009 il “Premio Letterario Giovanni Boccaccio” e il “Premio Hemingway”. Del 2011 sono La leggenda del morto contento e Zia Antonia sapeva di menta. Del 2012 Galeotto fu il collier e Regalo di nozze. L'anno successivo escono Le tre minestre, lungo racconto autobiografico edito da Mondadori-Electa e Di Ilide ce n'è una sola. Del 2014 Quattro sberle benedette, Premiata ditta Sorelle Ficcadenti e Biglietto, signorina!; e del 2015 è La ruga del cretino, scritto con Massimo Picozzi.

Da ricordare che con il romanzo Almeno il cappello (edito nel 2009 da Garzanti) Andrea vitali ha vinto il “Premio Casanova”, il “Premio Isola di Arturo Elsa Morante”, il “Campiello sezione giuria dei letterati” ed è stato finalista al “Premio Strega”. I suoi libri, pubblicati in Italia da Garzanti e da Salani Editore, sono stati tradotti in molti paesi, tra cui la Turchia, la Serbia e il Giappone.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cultura