QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 22°34° 
Domani 20°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
mercoledì 27 luglio 2016

Attualità mercoledì 10 febbraio 2016 ore 12:27

I monumenti raccontano la memoria

Incontro con una studiosa per conoscere lo spirito che portò la città a erigere monumenti per non dimenticare le efferatezze del grande conflitto

EMPOLI — È fissato per sabato 13 febbraio alle 17,30 al Cenacolo di Santo Stefano degli Agostiniani, il quarto appuntamento de’ ‘I Luoghi della Città’. Sarà protagonista della conferenza sarà la storica dell’arte Nadia Marchioni, docente dell’Università di Pisa, con un intervento dal titolo “Celebrazione e commemorazione della Grande Guerra.

L'intervento prenderà in esame anche la statua di piazza della Vittoria. La studiosa, autrice del volume La Grande Guerra degli artisti,indaga lo spirito che portò - dopo le efferatezze del primo conflitto bellico, che aveva lasciato in tutta Europa un'eredità di milioni di morti - ogni città e villaggio a erigere monumenti in loro memoria, dando forma alla più capillare e diffusa testimonianza di quella tragedia.

Si tratta di un immenso patrimonio storico-artistico, un monito e una testimonianza civile, che caratterizza anche il nostro paesaggio urbano. A Empoli, già nel 1923, mentre fervevano i preparativi per la realizzazione del Parco della Rimembranza, si era formato anche un comitato per la realizzazione di un monumento ai caduti che venne inaugurato nel giugno del 1925 da Sua Altezza Reale il Duca D’Aosta.

Il colosso bronzeo raffigurante la Vittoria alata, che svetta su un alto basamento lapideo, fu realizzato da Carlo Rivalta e Dario Manetti dopo un lungo dibattito che aveva coinvolto tutta la cittadinanza.

Dedicare a questo tema una delle conferenze de ‘I luoghi della città’ rientra da un lato nelle attività che l’amministrazione comunale ha progettato in occasione del centenario della Grande Guerra - quello di sabato sarà il quarto appuntamento - dall’altro è un modo per riportare all’attenzione della cittadinanza quel monumento, che gli empolesi vollero e che prossimamente sarà sottoposto ad un accurato intervento di restauro, per restituirgli l’antica dignità.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità