QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 17°25° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 26 maggio 2018

Attualità domenica 06 maggio 2018 ore 15:28

Una sciarpa azzurra sulla lapide di Castellani

Franco, figlio del bomber dell’Empoli negli anni ‘30, insieme all’assessore allo sport Fabrizio Biuzzi depongono il vessillo firmato dai giocatori



EMPOLI — Una sciarpa azzurra sulla lapide che ricorda Carlo Castellani. È quella donata dall’Empoli FC e portata nel campo di sterminio di Gusen dall’assessore allo sport del Comune di Empoli, Fabrizio Biuzzi, in occasione del ‘Viaggio della Memoria’ organizzato da Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa e ANED, Associazione Nazionale Ex Deportati, Sezione Empolese Valdelsa. 

Un viaggio che coinvolge ogni anno più di 100 studenti che sono accompagnati nei luoghi dello sterminio nazi-fascista, dove sono morti e hanno sofferto centinaia di concittadini del nostro territorio. Fra questi anche Carlo Castellani, ex giocatore dell’Empoli, bomber indimenticato degli anni ‘30. In viaggio, quest’anno, c’è anche Franco Castellani, figlio di Carlo, che all’epoca della deportazione del padre aveva appena 6 anni.

Fra le tante cerimonie di commemorazione che si svolgono in questi giorni c’è stato anche questo intenso momento in cui la sciarpa della squadra che ha visto Castellani bomber simbolo nei primi anni di vita del club è stata deposta alla lapide che anni fa proprio l’Empoli FC fece sistemare al campo di sterminio, nel memoriale. A Gusen l’ormai ex calciatore perse la vita l’11 agosto 1944, morendo di stenti dopo essere arrivato, come tanti altri empolesi, nel campo di sterminio di Mauthausen-Gusen nel marzo precedente, viaggiando da Firenze con un treno per bestiame.

La sciarpa è firmata da tutti gli attuali giocatori dell’Empoli 2017/2018.

Il viaggio sta proseguendo fra incontri, cerimonie e tante testimonianze dedicate a far crescere fra gli studenti la cultura della memoria. Oggi, domenica 6 maggio, il viaggio volge alle ultimissime tappe con il ritorno in Italia, verso Trieste, per la visita alla risiera di San Sabba dove verrà deposta una corona e ci sarà una celebrazione finale.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Cronaca