QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 21°33° 
Domani 19°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 30 luglio 2016

Attualità venerdì 04 marzo 2016 ore 18:15

Lo spaccio agricolo chiude i battenti

Dopo sedici mesi di attività l'associazione produttori agricoli ha deciso di cessare la vendita di filiera corta nei locali in via 2 Giugno

CERTALDO — Dopo sedici mesi di attività chiude lo spaccio agricolo dell'associazione produttori agricoli in via 2 Giugno. Il locale, inaugurato l'11 ottobre 2014 e rimasto aperto fino alla fine di febbraio scorso, vendeva prodotti di filiera corta di circa 20 aziende toscane che avevano risposto ad un invito rivolto in modo particolare a tutte le aziende di Certaldo e dell'Empolese Valdelsa.

Lo spazio, la ex farmacia comunale di proprietà del Comune di Certaldo, era stata concessa dal Comune all'associazione con un affitto a prezzo calmierato.

“L'amministrazione comunale si era impegnata, fin dalla fine della passata legislatura, per creare tutte le condizioni per aprire uno spaccio agricolo di filiera corta - ha commentato l'assessore al commercio Jacopo Arrigoni - l'ottenimento del finanziamento regionale per l'avvio dell'attività, unitamente allo spazio centralissimo messo a disposizione con affitto calmierato, erano le condizioni migliori che si potevano dare a chi voleva cimentarsi in questa esperienza. In tutti questi mesi, l'amministrazione ha sempre seguito le periodiche riunioni del comitato di garanzia, lasciando però all'associazione produttori agricoli quell'autonomia nella gestione dello spazio e dell'attività commerciale che era prevista”.

“Nel prendere atto della conclusione di questa esperienza, ma anche dell'interesse e dell'impegno che tante aziende hanno dimostrato in questi mesi nel valorizzare i propri prodotti – conclude Arrigoni – l'amministrazione comunale rinnova la propria disponibilità a sostenere e supportare con gli strumenti che potranno essere disponibili le aziende locali, qualora da parte di un gruppo di queste venisse fuori un nuovo progetto di “filiera corta”. Se ci sarà un progetto supportato da un business plan sostenibile, con una strategia di vendita e di marketing che superino le criticità passate, l'amministrazione sosterrà le aziende che avranno voglia di investire in un nuovo progetto”.

In merito allo spazio, la ex farmacia comunale, il vicesindaco con delega al bilancio, Francesco Dei, fa sapere che: "Considerato l'esito di questo progetto, il Comune valuterà la destinazione futura dei locali e l'eventuale alienazione da inserire nel piano che a breve la giunta presenterà al Consiglio, propedeutico all'approvazione del bilancio, in maniera tale da reimpiegare quei proventi per finanziare le opere pubbliche necessarie".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità