QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 21°32° 
Domani 21°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
venerdì 01 luglio 2016

Politica mercoledì 09 marzo 2016 ore 14:30

Unanimità in consiglio: verità per Giulio Regeni

Un momento della seduta consiliare

Tutte le forze politiche presenti nell’assemblea sollecitano Parlamento e Governo per attivarsi in tutte le sedi internazionali per far luce sulla vicenda

EMPOLI — "Verità per Giulio Regeni". Questo il cartello che è stato appeso durante tutta la seduta consiliare e sulla cui richiesta hanno concordato tutte le forze politiche presenti in assemblea.

Con il voto favorevole di tutti i consiglieri alla seduta di martedì 8 marzo, il consiglio comunale di Empoli ha infatti approvato un ordine del giorno, presentato dai consiglieri dei gruppi di Ora Si Cambia, Linea Civica e Fabricacomune per la Sinistra, e poi emendato dalla maggioranza Pd e Questa è Empoli, per chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni, giovane ricercatore friulano ucciso in Egitto.

L'iniziativa arriva dopo l’adesione di tutta l’amministrazione comunale, su impulso proprio del consiglio, alla campagna di sensibilizzazione avviata da Amnesty International Italia con l’obiettivo di sollecitare Parlamento e Governo Italiano affinché si attivino in tutte le sedi internazionali preposte per fare chiarezza sulla morte del dottorando in Development Studies dell’Università di Cambridge.

L’ordine del giorno sarà inviato ai Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica per accelerare le azioni istituzionali volte a fare luce sulla vicenda.

L’odg impegna, infatti, il presidente del consiglio Roberto Bagnoli “a sollecitare il Parlamento e il Governo italiano, anche in virtù del peso che l’Italia ha nell’economia egiziana, affinché facciano sentire la loro voce per richiedere il rispetto dei diritti umani e perché si attivino in tutte le sedi internazionali preposte per far luce sulla morte di Giulio Regeni, ritenendo non più tollerabile il fatto che le autorità egiziane continuino a fornire della vicenda versioni contraddittorie e poco credibili, dimostrando un atteggiamento irrispettoso contro il quale occorre dimostrare fermezza, prendendo in considerazione in mancanza di concreti, ulteriori sviluppi collaborativi, volti a fare emergere la verità, l’eventuale richiamo in Italia dell’ambasciatore italiano al Cairo, come auspicato pochi giorni fa anche dal presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità