QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 18°28° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 02 luglio 2016

Attualità venerdì 04 marzo 2016 ore 12:15

Bimbi al nido da 3 mesi in su e tariffe abbassate

Importanti novità per i servizi educativi comunali. In arrivo anche nuovi arredi, più giochi e più verde alle strutture

MONTESPERTOLI — Il Comune punta sui servizi educativi. Con una delibera di giunta, infatti, l'amministrazione ha approvato importanti novità sull'offerta formativa dell'asilo nido "Maria Grazia l'Aquilone" e dal Centro Gioco Educativo “Il Tamburello" per l’anno educativo 2016/17.

Si parte con l'estensione del servizio nido a partire dai tre mesi di età (prima era a partire da un anno) e si prosegue con un’abbattimento, in media, del 30 per cento sulle tariffe.

“L'estensione del servizio, anticipata per i bimbi di tre mesi, è stata decisa per rispondere alle richieste delle famiglie - ha spiega l'assessore alla pubblica istruzione Cinzia Farina - Una necessità che dunque è emersa dal territorio e dà la possibilità ai genitori di riprendere l’attività lavorativa. Il servizio educativo in questa fase storica sta assumendo una grande importanza perché è sempre meno presente la rete familiare in grado di supportare la famiglia. Quindi, se manca quella, è importante creare una rete istituzionale, di comunità, che possa rispondere a questi bisogni”.

Per quanto riguarda le tariffe, le riduzioni riguardano il servizio nido (tempo lungo e tempo corto), centro gioco e refezione scolastica. Per i primi due servizi il taglio sarà applicato sulla base dell'Isee, fino a 25mila euro, mentre per il servizio di refezione è rivolto all'Isee fino a 16mila euro.

“Queste riduzioni sui servizi fondamentali per la comunità sono interamente sostenute dal Comune - ha evidenziato Farina - L'apertura del nido ai bambini di età dai 3 mesi in su consente ai genitori un sostegno maggiore. L'ingresso anticipato presume che la permanenza del bambino nel nido sia più lunga. Ciò significa una spesa maggiore per la famiglia. Quindi, la riduzione delle tariffe vuole andare incontro anche a questo. Il nostro impegno è quello di sostenere al meglio e al massimo le famiglie che hanno con la nascita di un figlio hanno difficoltà a organizzare la propria vita”.

Intanto è iniziata anche la piantumazione di 40 alberi nel giardino della Casaccia e a breve verranno sistemati i giochi e rinnovati gli arredi per il cosiddetto “angolo morbido” del nido. Interventi resi possibili con un investimento di circa 20mila euro.

Le iscrizioni per l’anno educativo 2016/17 saranno aperte dal 4 aprile al 4 maggio 2016, mentre per i bambini dai 3 mesi all’anno di vita, dal 5 maggio al 3 giugno.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità