QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 15°25° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 ottobre 2019

Attualità giovedì 02 ottobre 2014 ore 14:12

Rifiuti abbandonati nel Padule di Fucecchio

Situazione di degrado denunciata in seguito al nubifragio. Spinelli: "Basta sciacallaggio in una situazione di emergenza". Publiambiente già attivata



FUCECCHIO — Il Padule di Fucecchio versa in una situazione di degrado in seguito all’emergenza-maltempo del 19 settembre. Materiale edile, sacchi pieni di eternit e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella zona di Porto di Cavallaia. La situazione, ancora oggi, è particolarmente grave nonostante i ripetuti interventi di Publiambiente per la rimozione del materiale abbandonato.

Il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli attacca duramente i responsabili di questa situazione. “Qualcuno – dice – sta approfittando dell’emergenza per liberarsi di rifiuti ingombranti, provocando un danno ambientale ed economico alla collettività visto che i costi di smaltimento ricadranno direttamente sulle bollette. Vigileremo in modo assiduo per stroncare sul nascere il fenomeno e attueremo tutte le forme di dissuasione possibili, telecamere comprese, per individuare i responsabili e sanzionarli duramente. Non sarà una battaglia facile e per questo chiediamo la collaborazione di tutti i cittadini nel vigilare e segnalare episodi di abbandono dei rifiuti. Anche l’amministrazione comunale, come tutti i cittadini onesti, è vittima dell’inciviltà di queste persone che non hanno alcuno scrupolo.”

Publiambiente da giorni è all’opera per rimuovere i rifiuti. “C’è piena sinergia con l’azienda – spiega il sindaco – con loro stiamo cercando di risolvere questa emergenza nel migliore dei modi". 

Publiambiente, intanto, invita tutti i cittadini a contattare il numero verde 800.980.800 per chiedere il ritiro gratuito dei rifiuti ingombranti e dei big bag di eternit presso la propria abitazione. La rimozione dell’eternit nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, è stata fatta correttamente adoperando il kit e i contenitori forniti da Publiambiente. Purtroppo qualcuno invece di chiedere il ritiro a domicilio ha preferito abbandonare poi i sacchi lungo la strada. 



Tag

«L'abbraccio», la storia mai raccontata del giudice Saetta e del figlio uccisi dalla mafia diventa un film

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

Cronaca

Attualità