comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:23 METEO:EMPOLI9°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Salvini: «Alcuni responsabili mi hanno detto ‘Mi hanno promesso un ministero'»

Attualità mercoledì 08 aprile 2020 ore 16:32

Al San Giuseppe videochiamate per i pazienti Covid

La donazione di Sesa per i pazienti Covid del San Giuseppe

All'ospedale di Empoli sono possibili da ieri grazie a una donazione della Fondazione Sesa. L’iniziativa nasce per garantire “un contatto diretto”



EMPOLI — Sono iniziate ieri le prime video chiamate dai reparti Covid attraverso uno dei sei tablet donati all’Ospedale San Giuseppe dalla Fondazione Sesa di Empoli, che svolge attività di solidarietà sociale.

Un gesto di generosità che ha spinto la direzione sanitaria a trovare la modalità per utilizzare al meglio questi dispositivi elettronici, soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria.

L’iniziativa nasce da un’idea del dottor Rosario Spina, direttore anestesia e rianimazione del San Giuseppe, in accordo con altri colleghi impegnati quotidianamente nella gestione di pazienti Covid.

La finalità è quella di far parlare i pazienti con le loro famiglie e al tempo stesso poter dedicare uno spazio anche per un aggiornamento sulle condizioni di salute da parte del personale medico.

E’ un modo per offrire piccoli momenti di intimità ai pazienti in isolamento, farli sentire meno soli, anche per pochi minuti, oltre a regalare un sorriso ai loro cari in attesa a casa.

“In un momento drammatico come questo, che impedisce un contatto diretto tra pazienti e familiari, abbiamo pensato di offrire un’opportunità per accorciare le distanze – ha commentato Silvia Guarducci, direttore sanitario del San Giuseppe - un gesto reso possibile dalla solidarietà del territorio che anche in questo caso si è dimostrato vicino”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità