Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:EMPOLI12°22°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Aliseo, «I libici hanno sparato sul peschereccio per uccidere»

Cronaca giovedì 01 dicembre 2016 ore 09:05

Le medaglie d'oro al servizio civile

Un momento della cerimonia

Il sindaco Brenda Barnini ha conferito l'onorificenza alle autorità, alle associazioni e organizzazioni impegnate nella difesa del cittadino



​EMPOLI — "Questo Sant’Andrea d’Oro 2016 ha un primo grande significato: vuol essere prima di tutto un modo per ringraziare tutte le componenti che costituiscono il sistema della protezione civile dell’Empolese Valdelsa. Un occasione di festa e di ringraziamento per un servizio che non bisogna mai dare per scontato. Il ‘grazie’ si trasforma in onorificenza, la più importante per la ‘Città di Empoli’, che va a tutta la rete che ci protegge quotidianamente e in modo sempre più organizzato e coordinato".

Sono alcune delle parole con cui il sindaco di Empoli ha spiegato le motivazioni del conferimento del ‘Sant’Andrea d’oro’ a (qui indicati in rigoroso ordine alfabetico): Carabinieri; Centrale Operativa del 118 – Asl Toscana Centro; Croce Rossa Italiana di Empoli; Corpo Forestale dello Stato; Guardia di Finanza; La Racchetta di Montaione, Montelupo e Montespertoli; Misericordia di Empoli; Polizia del Commissariato di Empoli; Polizia Municipale dell’Unione Empolese Valdelsa; Prociv ARCI di Certaldo; Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli; RAV (Radio Associazione Valdelsa); Vab di Limite e di Vinci; Vigili del Fuoco.

A loro, con una piccola medaglia d’oro con sopra inciso Sant’Andrea e una pergamena, patrono della città, va il grazie di un intero territorio, purtroppo non poco toccato negli ultimi anni da vari episodi in cui la Protezione Civile si è mossa e ha dovuto intervenire con importanti e difficili operazioni in aiuto della popolazione.

La cerimonia si è svolta in un Cinema Teatro La Perla gremito, di fronte a tantissimi volontari e rappresentanti delle forze dell’ordine, fra cui anche alti ufficiali.

Presenti anche tanti sindaci e amministratori locali, dirigenti di associazioni volontaristiche dell’area. Non sono voluti mancare l’onorevole Dario Parrini, il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani, Monsignor Marco Viola, in rappresentanza della Curia e del Cardinale di Firenze Giuseppe Betori; il proposto Don Guido Engels; Nedo Mennuti per l’Asl Toscana Centro; Grazia Bertolaccini, vedova di Romano Bertolaccini e Sergio Valentini, volontari di Protezione Civile scomparsi durante un servizio a causa di un incidente a bordo di un ultraleggero, era il 24 febbraio 2002 e due anni dopo ricevettero la Medaglia d’oro al Merito Civile alla memoria.

Hanno inviato un video messaggio il vice sindaco di Arquata del Tronto Michele Franchi e il capo del Dipartimento di Protezione Civile Nazionale Fabrizio Curcio.

La premiazione è stata accompagnata, da Alessandro Lippi, in un vero e proprio dibattito e confronto sulle origini, l’attualità e il futuro del coordinamento della Protezione Civile, anche a livello normativo.

IL SINDACO - Il sindaco Brenda Barnini ha ricordato il terremoto in Irpinia del 1980, ma anche un episodio che scosse l’opinione pubblica nel 1981: l'incidente di Vermicino fu un caso di cronaca in cui perse la vita Alfredo Rampi, detto Alfredino, (nato a Roma l'11 aprile 1975), caduto in un pozzo artesiano in una piccola frazione di campagna vicino a Frascati, Dopo quasi tre giorni di tentativi falliti di salvataggio, Alfredino morì dentro il pozzo, a una profondità di 60 metri. «Dopo quel tragico fatto – ha proseguito il sindaco Barnini – seguì un regolamento e poi a distanza di 10 anni, nel 1992 una legge sulla Protezione Civile. Tanti passi in avanti sono stati fatti, nell’Empolese Valdelsa abbiamo adottato anche il nostro regolamento a livello di Unione. Ed è bello riscontrare come, a ogni episodio calamitoso, si realizzi quel principio di reciprocità fra tutte le nostre realtà che è alla base della Protezione Civile ed è un ‘miracolo’ che si ripete ogni volta».

I PREMIATI - Il Sant’Andrea d’Oro, anche per questo è andato al Sindaco di Montelupo Fiorentino, delegato per l’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa alla Protezione Civile, Paolo Masetti, insieme a Barnini ispiratore del vincitore di questa edizione, che ha ricevuto la pergamena insieme a tutti i colleghi sindaci dell’Unione.

Sono stati premiati la Polizia del Commissariato di Empoli col Primo dirigente Francesco Zunino; la Compagnia dei Carabinieri di Empoli col Comandante, capitano Giorgio Guerrini; la Compagnia Guardia di Finanza di Empoli, col Comandante, capitano Francesco Parodi; i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Empoli, col comandante provinciale Roberto Lupica; il Corpo Forestale dello Stato, con la comandante della stazione di Empoli, il vice ispettore Giulia Tofani e la presenza del vice questore Stefano Ignesti; il Comando di Polizia Municipale dell’Unione Empolese Valdelsa, con la comandante Annalisa Maritan; la Centrale Operativa del 118 Empoli dell’Asl Toscana Centro, col direttore Alessio Lubrani; la Croce Rossa Italiana di Empoli con Paolo Cioni, presidente del comitato provinciale; la Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Empoli, col Governatore Pier Luigi Ciari; la Prociv Arci di Castelfiorentino, Certaldo, e Gambassi con Lorenzo Cini e la presenza del coordinamento del volontariato della protezione civile dell’Unione Fabio Mangani; le Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli con Marco Bacchi, l’associazione La Racchetta con Yuri Nucci responsabile della Sezione di Montelupo; la Radio Associazione Valdelsa col presidente Roberto Ciari; la Vigilanza Antincendi Boschivi Vab di Capraia e Limite con Andrea Nardozi.

ANGELI DEL FANGO EMPOLESI - La concomitanza con il 50esimo anniversario dell’alluvione dell’Arno, che oltre Firenze, interessò pesantemente anche i territori empolesi, ha portato a consegnare una menzione speciale anche a 5 ‘Angeli del Fango’ tutti empolesi, cinque persone, allora ragazzi di neanche 20 anni, che si impegnarono nelle ore immediatamente successive alla devastazione ad aiutare la popolazione di Empoli e delle frazioni più colpite, in particolare Marcignana: sono Guido Arpioni, Andrea Mazzoni, Carlo Antonio Pianigiani, Pier Giuseppe Porciatti, Fabio Sesoldi (non presente perché ora residente fuori Toscana).

LA MOTIVAZIONE del PREMIO - Il sindaco Brenda Barnini, prima della premiazioni, ha letto la motivazione ufficiale del ‘Sant’Andrea d’Oro 2016’: “Alle donne e agli uomini della protezione civile per la loro costante e efficace capacità di coordinamento. Per l’ammirevole abnegazione nell’organizzazione dei soccorsi, nell’assistenza in favore delle popolazioni colpite da tragici eventi e nella successiva opera di ripristino delle normali condizioni di vita. Nel segno dei valori della solidarietà e dell’impegno umanitario, riscuotono l'unanime riconoscenza della collettività. La generosa azione di tutte le sue componenti costituisce un esempio di professionalità, generosità, sacrificio e mirabile dedizione al bene dell’Italia. Un riconoscimento a uniformi diverse, appartenenti ai Vigili del Fuoco, alle Forze Armate, a quelle dell’Ordine, ai Corpi armati dello Stato, alla Croce Rossa, ai volti di tanti volontari e a tutte le Amministrazioni dell’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa, unite dal medesimo progetto: il servizio alle nostre popolazioni e al popolo italiano tutto”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cadavere di un uomo è stato rinvenuto nei pressi della stazione di Empoli in un edificio dismesso. Indagini in corso da parte della polizia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità