comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 19°29° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 21 settembre 2020
corriere tv
Di Battista a Bari: «Il Movimento 5 stelle deve ricostruire la propria identità»

Cronaca venerdì 17 gennaio 2020 ore 12:32

Libri di biblioteca trovati vicino a un cassonetto

Erano finiti accanto a un cassonetto, alcuni sono volumi dell’800. Sono stati restituiti a Castelfiorentino. Il Sindaco Falorni: “Un gesto nobile”



LIVORNO — Erano finiti accanto a un cassonetto di Livorno, e in buona parte di essi (in bella evidenza) figurava il timbro della “Biblioteca Comunale di Castelfiorentino”. Un timbro che certificava, senza ombra di dubbio, il legittimo proprietario al quale erano stati inspiegabilmente sottratti molto tempo fa, forse addirittura durante il periodo dell’ultima guerra.

Il Cavalier Giovanni Bitossi ha notato questa cassa piena di volumi, e non ha avuto esitazioni: ha scritto al Sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, e ha provveduto a restituire i volumi recuperati alla Biblioteca “Vallesiana”, andando così a colmare un vuoto che si era venuto a creare nella sua collezione.
“Alcuni mesi fa – spiega Bitossi – passeggiando, ho rinvenuto una cassa di libri vicino ad un cassone della nettezza urbana. Ho potuto vederli perché qualcuno, precedentemente al mio sopraggiungere, vi aveva rovistato e li aveva sparsi. Erano libri “datati”, malmessi, molti da rilegare, ma avevano il timbro della biblioteca comunale di Castelfiorentino”.
“Essendo un poligrafo – prosegue Bitossi – mi piace leggere, documentarmi e scrivere. Per questo è stata attratta la mia attenzione. Per deformazione professionale (sono vicepresidente dell’Associazione Combattenti e Reduci di Livorno), ho associato quell’abbandono a un trafugamento nel suo comune nel periodo bellico o post-bellico. Se no non ne comprendo le ragioni”
I libri sono trentacinque e spaziano dalla storia alla narrativa, dai poeti latini alla scienza, dagli autori italiani a quelli stranieri. Ci sono anche i volumi di alcuni noti storici locali, come Olinto Pogni e il canonico Michele Cioni, come pure un volume che reca impresso il timbro della “Biblioteca del Circolo Operaio di Castelfiorentino”. Il cav. Bitossi ha incontrato il Sindaco Falorni e il Vicesindaco Centi in occasione del 130° anniversario della “ Vallesiana”, restituendo in tale occasione i libri recuperati.
“Quello del Cavalier Bitossi è stato davvero un gesto nobile – ha sottolineato il Sindaco, Alessio Falorni – che dimostra non solo la sua sensibilità per il valore intrinseco di un libro, che non si dovrebbe mai buttare via, ma anche il rispetto nei confronti della nostra comunità, alla quale questi libri erano stati sottratti molto tempo fa. Una restituzione che va a colmare un piccolo vuoto, e che ci riconsegna piccoli tasselli di una memoria perduta, come ad esempio un volume della dotazione libraria del Circolo Operaio di Castelfiorentino, o tante piccole storie del nostro territorio che sono divenute con il passare del tempo una componente importante della nostra identità. Ancora grazie, dunque, a questo benemerito cittadino di Livorno, che ho avuto il piacere di incontrare alla festa della “Vallesiana” che si è tenuta lo scorso mese di dicembre”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità