QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 19°23° 
Domani 19°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 21 agosto 2018

Attualità lunedì 15 settembre 2014 ore 16:35

"Abbiamo superato la prova da grande città"

Il sindaco Brenda Barnini fa il bilancio di Nottissima 2014, fornisce i numeri definitivi della serata e "si toglie qualche sassolino dalle scarpe"



EMPOLI — Un bilancio consuntivo della festa è necessario, dice il sindaco, perchè "quando si creano grandi aspettative e nascono alcune preoccupazioni è giusto fare una rendicontazione, non solo economica, dell'evento."

E i numeri parlano di 17.175 biglietti staccati, per un incasso di 34.350 euro. Se a questi numeri si aggiungono i circa diecimila bambini che non pagavano il biglietto di ingresso, i residenti, i commercianti, i volontari delle associazioni che partecipavano alla manifestazione e i cittadini che si trovavano già nelle vie del centro prima dell'inizio della manifestazione si stima che abbiano assistito all'evento più di quarantamila persone.

Una rendicontazione quindi che, a giudizio di Brenda Barnini, non può non avere un saldo positivo, visto il numero dei partecipanti, il successo delle scommesse fatte e la qualità degli ospiti in programma. E' qui che il sindaco non nasconde una lieve ma chiara polemica quando dice che "lo stupore con il quale è stato accolto il successo di Nottissima nasconde una scarsa fiducia nei confronti di chi l'ha promossa e organizzata, una scarsa fiducia che è bene aver smentito con i fatti."

La preoccupazione principale era stata, fin dai giorni scorsi, la parziale concomitanza con la partita Empoli-Roma. Una parziale sovrapposizione che, alla prova dei fatti, non ha creato particolari disagi nè problemi di ordine pubblico. 

Un altro argomento di discussione è stato portato dalla scelta dell'amministrazione comunale di prevedere un biglietto di ingresso alla manifestazione. Una scelta che anche oggi il sindaco ha difeso a spada tratta, affermando che Nottissima è e continuerà ad essere l'evento culturale più importante della città, sul quale l'amministrazione comunale ha intenzione di continuare ad investire. Nell'affermare questo Barnini ha ribadito che, essendo Nottissima una manifestazione dai costi sostenuti, questa edizione ha avuto infatti un costo complessivo di 57.000 euro, "è dovere di chi governa porsi il problema della sostenibilità economica della manifestazione stessa e cercare un modo attraverso il quale Nottissima riesca anche a gestirsi in parte da sola. Se devo scegliere - sono sempre parole del sindaco - fra aumentare la retta degli asili nido e mettere un biglietto di ingresso ad una manifestazione culturale preferisco sicuramente la seconda opzione." In questo caso, grazie al ricavato dei biglietti e ai dodicimila euro raccolti con alcune sponsorizzazioni, il costo della manifestazione ha 'pesato' solo per circa 10.000 euro sulle casse comunali.

Barnini ha anche sottolineato come la città fosse già stata ripulita la mattina successiva alla festa.

"Abbiamo superato la prova da grande città, - ha concluso il sindaco - vogliamo rendere Nottissima un punto di riferimento fra le iniziative culturali in Toscana e oltre."

Anche l'assessore Eleonora Caponi ha espresso la propria soddisfazione per la riuscita della serata sottolineando soprattutto il fatto che la manifestazione è completamente organizzata all'interno del territorio del Comune, con il coinvolgimento dell'associazionismo e del mondo della cultura empolese. Nel sottolineare questo aspetto l'assessore ha ringraziato le associazioni di volontariato che hanno garantito il servizio di pronta assistenza e tutte le associazioni che hanno approfittato di questa grande vetrina per mettere in mostra le proprie attività e in questo modo dare il proprio contributo alla buona riuscita dell'evento.

Già il sindaco nel suo intervento aveva sottolineato come la biblioteca comunale "Renato Fucini" sia stata la colonna portante di questa manifestazione, insieme al coordinamento e all'organizzazione del centro studi musicali Ferruccio Busoni. Il direttore della biblioteca comunale, Carlo Ghilli, ha voluto quindi ringraziare i colleghi che hanno partecipato all'organizzazione, alcuni dei quali hanno saltato anche le ferie estive per preparare al meglio l'appuntamento.

Stefano Donati, del "Centro studi musicali Ferruccio Busoni", ha sottolineato il valore culturale di Nottissima rispetto anche ad altre manifestazioni del genere. "Ogni spettacolo aveva un valore culturale autonomo. Nottissima - ha continuato Donati - non è una semplice notte bianca ma una serie di eventi che hanno un filo conduttore."

E su quest'ultimo punto è tornato ad insistere anche il sindaco dicendo che è intenzione dell'amministrazione comunale caratterizzare questa manifestazione nel nome per non confonderla con Empolissima e che, se proprio si deve fare un paragone con altre manifestazioni, Nottissima somiglia di più "a Mercantia di Certaldo che alla Notte bianca di Pontedera."



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca