QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 11° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 16 novembre 2019

Attualità giovedì 12 novembre 2015 ore 14:15

Il centro di eccellenza della Calamita onlus

Nata come associazione di volontariato appena tre anni fa, oggi vede di giorno in giorno realizzarsi quello che in principio era un sogno



FUCECCHIO — La Calamita onlus ormai è una realtà per il territorio comunale e zone limitrofe. Nata come associazione di volontariato appena tre anni fa, oggi vede di giorno in giorno realizzarsi quello che in principio era un sogno, ma che in poco tempo, grazie al sostegno di moltissimi donatori, è diventata un’imponente costruzione moderna ed eco sostenibile, nel cuore del centro della città. L’edificio sarà circondato da una area di circa 700 metri quadrati sulla quale, com’è ormai è noto, sorgerà un Parco giochi inclusivo, uno tra i pochi in Italia.

Ma cos’è nel dettaglio un Parco giochi inclusivo, e da cosa nasce questa idea? A spiegarlo con immensa soddisfazione sono proprio i responsabili dell’associazione che ha sede nella parrocchia Santa Maria delle Vedute.

"La Calamita onlus si inspira ai principi di uguaglianza, solidarietà e condivisione, e proprio questi principi ci hanno spinto ad interrogarci sulle esigenze dei più piccoli, dei più indifesi e dei più deboli - si sottolinea -. Basta trascorrere un pomeriggio in un parco con altalene e scivoli, vedere bambini che corrono, giocano e si divertono, per rendersi conto che non tutti hanno gli stessi mezzi a disposizione, nonostante, sulla carta, tutti abbiano gli stessi diritti. Molte barriere architettoniche impediscono ai bambini di svagarsi in compagnia. Per questi motivi abbiamo pensato ad un parco progettato in modo tale da consentire ai bambini disabili di conoscere i bambini abili e giocare con loro, utilizzando le stesse giostre, perché solo così potranno esserci una concreta inclusione, una vicendevole conoscenza e un arricchimento reciproco".

Non c’è dubbio che nell’odierno contesto socioculturale, spiegano i responsabili dell’associazione "contraddistinto dalla convivenza di persone con vissuti diversi, di popoli lontani per tradizioni o con abilità differenti, il Centro di aggregazione ed il Parco giochi rientrino in un percorso non soltanto ludico-ricreativo, ma anche educativo per le nuove generazioni, affinché percepiscano la diversità come valore e risorsa collettiva. E per quanto riguarda i più piccoli, il gioco, oltre ad essere un prezioso alleato per sviluppare le capacità affettive e relazionali, è senza dubbio la modalità più antica e semplice per veicolare messaggi positivi come il rispetto e l’uguaglianza".

Questo è l’obiettivo che si è posta La Calamita onlus nel progetto iniziale e che sta portando avanti con tenacia ed entusiasmo, ma occorre sempre e comunque il sostegno da parte di tutti, per cui, dall’ associazione invitano a effettuare ancora donazioni in favore del Progetto e a partecipare gli eventi che saranno organizzati dalla stessa nelle prossime settimane e durante i prossimi mesi.



Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità

Attualità