Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:58 METEO:EMPOLI10°21°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Cultura martedì 09 giugno 2015 ore 17:25

La luna è azzurra, festival del teatro di figura

La rassegna dedicata ai burattini, alle ombre, alle teste di legno, alla pantomima è alla XXXII edizione. Un'invasione nelle strade del centro storico



SAN MINIATO — Torna il grande appuntamento con “La Luna è Azzurra”.

La rassegna dedicata ai burattini, alle ombre, alle teste di legno, alla pantomima, taglia il traguardo della 32esima edizione, invadendo le strade del centro storico nei giorni 26, 27 e 28 giugno. Maschere, pupazzi e marionette occupano i luoghi più scenografici di San Miniato con spettacoli rivolti a tutti, i bambini e le loro famiglie, i giovani ed anche una particolare sezione riservata agli adulti.

Dal 1983 ad oggi, sui tanti palcoscenici della città del teatro di San Miniato sono passati i migliori artisti italiani e internazionali del teatro di figura e in questi anni oltre 300mila persone, hanno assistito a spettacoli straordinari, esempi di originalità e di innovazione, sotto la direzione artistica di Alberto Masoni di Terzo Studio. Quest’anno saranno 21 le compagnie presenti che daranno vita a 15 rappresentazioni ogni sera, diffuse per le vie del centro e nelle storiche piazze della città.

La compagnia del Rospo Rosso con “Strambo circus” un varietà di marionette grottesco che garantisce poesia e qualche brivido a grandi e piccini; Mani di Luce con “La Loba” un teatro in miniatura di marionette ed ombre di quattro minuti per due spettatori alla volta; il piccolo circo “Circolino” di Selena Bortolotto, animato da tre buffi personaggi, creati con diverse parti del corpo; la storia di “Leo, leone fifone” e dei suoi amici sgangherati e i burattini in baracca di “Teste di legno storie d’ingegno”, un classico del teatro di figura con Alessandro Gigli.

E poi tante altre animazioni bizzarre e curiose come “La Levitazione” del genio sospeso, l’uomo ingessato di “Don worry brum brum” e il “Conte Patacca” personaggio burlone dalle tante braccia. La Piazza del Popolo sarà dedicata alla creatività e all’incanto con il laboratorio di origami di Omis; quello di falegnameria di Fantulin, al trasformismo e all’illusione con la magia di “Alto livello”, spettacolo unico nel suo genere e alla comicità, con il mimo clown tedesco Gunter Rieber e i pazzi e insoliti strumenti musicali del Delikatessen Duo. 

In piazza Duomo ci sarà una programmazione da non perdere: le macchine incredibili di Alberto Giorgi, fra i più interessanti esponenti dell'illusionismo europeo; poi le abilità gestuali e teatrali de La Santa Rodilla (Italia/Perù), il cui fondatore Renato Curci, riceverà il premio alla carriera “La Luna D’Argento”; e infine i clown musicali di “Meglio Tarde che mai”, diretti dalla regia di Rita Pelusio. In Piazza del Seminario avremo le scatole di fiammiferi come suggestive tele di Vincent Van Gogh di Carlo Maria Pelatti; i bizzarri e sognanti personaggi di “Gli uomini preferiscono le piume”; il divertente riadattamento della fiaba dei Fratelli Grimm “Sette in un colpo” e le irriverenti creature di “Appiccicaticci puppet show”, un’inedita performance di improvvisazione teatrale per pupazzi e attori.

Nella sezione per adulti, nel panoramico Giardino della Cisterna avremo i fascinosi tableaux vivants ispirati all’opera di Caravaggio, dei partenopei “Teatri 35”; la storia commovente della “Femmina morta”, un teatro di narrazione e oggetti delicato ed emozionante; i “Freaks” della Compagnia del Rospo Rosso che uniscono alla tecnica della marionetta a filo un percorso di ricerca personale e “Ridi, ridi” di Renato Curci, spettacolo dal linguaggio comico e poetico, che utilizza le possibilità espressive del corpo.

Nei tre giorni di manifestazione sarà attivo un servizio di due bus navetta gratuiti, in servizio dalle 20 alle 1, che effettueranno due percorsi (uno dal cimitero a San Lorenzo a La Scala e l’altro dal Fontevivo, fino al terminal in piazza Dante Alighieri) per raggiungere facilmente il centro storico; inoltre, i commercianti sistemeranno tavolini per le strade del borgo e, sotto i loggiati, sarà allestito anche quest’anno il tradizionale mercatino organizzato dalla Fondazione San Miniato Promozione.

Tutti gi spettacoli sono gratuiti.

“Un appuntamento consolidato dell’estate sanminiatese – dichiarano il sindaco Vittorio Gabbanini e l’assessore alla cultura Chiara Rossi -. Ogni anno la manifestazione curata da Terzo Studio si arricchisce sempre di più, proponendo spettacoli di livello molto alto, che attraggono non solo i più piccoli ma anche i grandi. Le risorse a disposizione sono sempre meno, ma la nostra amministrazione si impegna concretamente perché eventi come questo siano garantiti e arricchiscano il tessuto culturale della nostra comunità”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli ispettori e la polizia municipale sono intervenuti a seguito della segnalazione dei cittadini che hanno notato la discarica lungo la strada
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità