comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 15°23° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
domenica 31 maggio 2020
corriere tv
Galli sui nuovi casi in Lombardia: «Non credo siano nuovi contagi, sono contagi vecchi»

Attualità venerdì 28 agosto 2015 ore 08:00

Derattizzazione, interventi anche in centro

Operai specializzati hanno posizionato esche rodenticide anche nei tombini di molte strade tra via Lamarmora e piazza Vittorio Veneto



FUCECCHIO — Un intervento straordinario di derattizzazione con l’estensione ad altre strade del centro storico, oltre a quelle tradizionalmente interessate. Nella mattinata di ieri il Comune insieme all’azienda Entomox ha posizionato esche rodenticide nei tombini in piazza Vittorio Veneto, borgo Valori, piazza Cavour, via del Cassero, via Machiavelli, via Lamarmora e in altre strade limitrofe.

“Abbiamo deciso di estendere le trappole per topi – ha spiegato l’assessore all’ambiente Silvia Tarabugi – per tutelare al meglio l’igiene del centro storico e il proliferare dei roditori. Si è trattato di un intervento straordianario che si va ad aggiungere ai tanti che l’amminsitrazione comunale effettua nel corso dell’anno con la periodica verifica dei risultati. Sono ben 275 le postazioni attive nell’opera di derattizzazione ordinaria che interessa quasi 100 strade tra Fucecchio e le frazioni”.

Nella maggior parte dei casi le postazioni prevedono la presenza di erogatori di esca: si tratta di dispensatori chiusi a chiave e che permettono l’accesso soltanto ai roditori; all’interno degli erogatori l’esca è sempre bloccata in modo che topi o ratti siano costretti a consumare l’esca in loco, senza poterla rimuovere e disperdere nell’ambiente.

Nelle zone interessate da interventi di derattizzazione, nei giorni seguenti, è possibile vedere più topi in giro. Si tratta fenomeno naturale in quanto i roditori che hanno ingerito esche, durante il processo di intossicazione, perdono il loro senso dell’orientamento, si rendono visibili anche durante le ore diurne, diventano molto lenti e frequentano anche ambienti aperti, a differenza del loro comportamento normale. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare non muoiono immediatamente ma alcuni giorni dopo aver consuimato l’esca.

Dal Comune ricordano che i topi, oltre ai danni diretti che provocano a impianti, prodotti alimentari e materiali, sono potenziali vettori di agenti patogeni e infezioni.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

EDITORIALE

Cronaca

Cronaca

Attualità