Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:EMPOLI11°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti: 10 anni di errori, ipocrisie, propaganda e il falso problema delle Ong

Attualità giovedì 23 febbraio 2017 ore 14:49

Autismo, associazioni contro le megastrutture

La richiesta avanzata da 16 associazioni alla Regione: "Pensare a piccole unità abitative per non creare mostri della disabilità"



EMPOLI — No alle megastrutture di Pisa e Empoli, sì a piccole unità abitative che rispettino la filosofia della legge 112/2016 sull’assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Sono tante voci concordi quelle che si alzano dalle associazioni sentite ieri, mercoledì 22 marzo, dalla commissione sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Pd), in merito alle sindromi autistiche. La richiesta di audizione è arrivata dalle stesse associazioni, sedici in tutto, che chiedono di affrontare “il tema del durante e del dopo di noi”.

La legge nazionale 112 “Rappresenta una grandissima opportunità per le famiglie e le persone disabili per progettare e gestire il proprio futuro in modo autonomo e ambire a una vita libera - ha spiegato Marino Lupi, presidente dell’associazione Autismo toscana - L’erogazione del fondo previsto da quella legge auspichiamo sia effettuata sulla base di scelte di natura politica e non solo amministrativa”. e prosegue: "In Toscana, nonostante la legge spinga alla realizzazione di servizi per l’inclusione e la socializzazione, esistono tendenze al ritorno dell’istituzionalizzazione”. 

E l’attenzione è rivolta al centro Le Vele di San Giuliano Terme, struttura privata e al progetto di Empoli, da realizzare al Terrafino per accogliere e settanta-ottanta persone. Centri che secondo Lupi “Vanno in direzione contraria alla legge nazionale". A Pisa è già stato realizzato, a Empoli è ancora sulla carta. 

"La Regione - è l'appello delle associazioni-  non ceda a logiche localistiche che getterebbero un’ombra sulla storia della nostra regione. Non mortifichiamo le decine di esperienze positive. Unità abitative di cinque persone al massimo da inserire nelle nostre città. I disabili sono cittadini più degli altri, perché deboli e più fragili”.

La serie degli interventi ha seguito questa stessa linea: sono intervenute l’associazione sindromi autistiche, Aiaba onlus, l’associazione autismo Pisa, il Coordinamento etico dei caregivers (associazione che tutela i diritti di chi si prende cura delle persone, in particolare dei diversamente abili), l’associazione Fish Toscana, Aiaba (Associazione italiana per l’assistenza ai bambini autistici), Autismotoscana, il coordinamento toscano delle associazioni per la salute mentale, l’associazione autismo Arezzo. Richieste concordi di “Vedere applicata la legge 112”, di fare in modo “Che anche i privati siano tenuti a rispettarla”, di non creare “Nuovi mostri della disabilità, non ricreiamo i manicomi”, come ha detto Piero Perciballi (Aiaba). “Alle famiglie rivolgiamo un appello: non accettiamo mostruosità, diciamo no a edifici terrificanti. L’opportunità di vivere in piccoli appartamenti è praticabile anche per le disabilità più gravi”, ha aggiunto Patrizia Frilli, presidente del Dipoi, coordinamento regionale per il “dopo e durante di noi”.

Il presidente Scaramelli, a conclusione dell’audizione ha commentato: “Avevamo il dovere di ascoltare, non siamo qui per dare risposte oggi, ma avremo modo di esprimere le nostre posizioni, quando saremo chiamati ad esprimere pareri o piuttosto a condizionare la Giunta sull’utilizzo delle risorse della legge 112”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo incontro sul Distretto Circolare al quale il gestore dei servizi ambientali presenterà per la quarta volta i dati della proposta di impianto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità