QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 11°16° 
Domani -2°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 10 dicembre 2018

Attualità venerdì 11 novembre 2016 ore 19:10

Ferrovie, piano di investimenti per 230 milioni

Treni più moderni, capienti e veloci e marciapiedi rialzati in tutte le stazioni. I Convogli elettrici manderanno in pensione quelli a diesel



CASTELFIORENTINO — Raddoppio delle linee, nuove infrastrutture per la elettrificazione, incremento dei treni e abbattimento delle barriere architettoniche. Grazie ad un piano di investimenti di 230 milioni di euro si preannuncia una vera e propria rivoluzione del trasporto ferroviario sulla linea Empoli-Siena ed Empoli-Firenze, un salto di qualità che consentirà agli utenti di raggiungere in modo più rapido Firenze, Siena e Pisa.

Il piano degli interventi è stato presentato oggi pomeriggio a Castelfiorentino dall’Amministratore delegato di Rfi  Maurizio Gentile, da  Luca Lotti (Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri), dalla Senatrice Laura Cantini, da Brenda Barnini (Vicepresidente della Città Metropolitana di Firenze), e da Alessio Falorni (Sindaco delegato alle Infrastrutture e Trasporti per l’Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa). Erano presenti anche Angela Dondoli (Funzionario Regione Toscana), e i sindaci dell'Empolese Valdelsa.

In particolare, gli investimenti serviranno a raddoppiare la frequenza delle corse tra Empoli e Granaiolo (linea Empoli-Siena), passando da un treno ogni ora a uno ogni mezz’ora. Contestualmente, la doppia linea permetterà di migliorare la puntualità dei treni veloci Firenze-Siena, e di rendere più rapidi tutti i collegamenti, grazie all’infrastruttura della elettrificazione.        

Sarà potenziata la stazione di Empoli: sono previsti interventi di tipo tecnologico, una nuova disposizione degli scambi allo scopo di diminuire interferenze tra treni diversi (linea Firenze-Siena), e infine nuovi marciapiedi più alti per rendere i treni pienamente accessibili anche alle persone disabili. Nel prossimo triennio saranno infatti rialzati i marciapiedi nelle stazioni di Empoli, Castelfiorentino, Certaldo, Montelupo Fiorentino, Poggibonsi, Ponte a Elsa e Signa

Grazie all’intervento di elettrificazione sulla tratta Empoli-Siena, sarà  possibile combinare la capienza alla velocità. I treni elettrici sostituiranno gradualmente le vecchie locomotive diesel negli orari a forte domanda, garantendo così una maggiore velocità e un servizio migliore.

Il quadruplicamento tratta Empoli-Montelupo (Samminiatello) consentirà di avere percorsi separati per i treni veloci e i treni lenti, migliorando la puntualità e incrementando complessivamente i treni sulla tratta Empoli-Firenze.

.Una volta ultimati gli interventi (e secondo quanto previsto dall’accordo quadro Rfi Regione Toscana) dalla stazione di Empoli andranno a regime: 3 treni veloci ogni ora diretti per Firenze, un treno veloce ogni ora per Pisa-La Spezia, un treno veloce ogni ora per Pisa-Livorno, un treno veloce ogni ora per Siena.

L’incremento maggiore sarà per i treni metropolitani. Da Empoli, ci saranno infatti 3 treni metropolitani ogni ora per Firenze, ovvero il triplo rispetto ad oggi, due treni metropolitani ogni ora per Poggibonsi (il doppio rispetto ad oggi) e un treno metropolitano ogni ora per Pisa (il doppio rispetto ad oggi).

“Da oltre 20 anni - osserva la senatrice Laura Cantini - sappiamo che è necessario il raddoppio, per poter superare i grossi problemi legati alla fruibilità della linea che mettono a dura prova i viaggiatori (tanti e in crescita) che quotidianamente si servono del treno per andare a lavoro, a scuola, a visitare le città d'arte”.

“Il Governo - afferma il Sottosegretario Luca Lotti - è impegnato fortemente a rilanciare il piano degli investimenti pubblici come elemento fondamentale per lo sviluppo e la ripresa economica del Paese. In questi giorni concretizziamo i nostri sforzi portando le risorse finanziarie necessarie per l'ammodernamento delle infrastrutture Toscane in particolare per l'area metropolitana di Firenze. Oggi Governo e Comuni sono seduti allo stesso tavolo per dare, dopo molti anni, risposte concrete ai cittadini e alle realtà produttive di questo territorio. Vi presentiamo non un idea di rete ferroviaria ma un progetto organico e concreto con l'indicazione dei tempi e delle risorse economiche già disponibili e in corso di stanziamento. Una serie di interventi che andranno in maniera reale a migliorare la vita dei nostri cittadini”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità