Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:03 METEO:EMPOLI17°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità domenica 28 febbraio 2021 ore 13:05

Niente precauzioni anti Covid e fioccano le multe

polizia municipale

Sono 20 quelle elevate ieri nel centro cittadino dalla polizia municipale. Il sindaco: "Dopo un anno siamo ancora a chiedere responsabilità"



EMPOLI — Venti multe sono state elevate ieri nel centro di Empoli dalla polizia municipale dell'Unione dei Comuni dell'Empolese Valdelsa a persone che non osservavano le precauzioni anti contagio da Covid-19. Ne dà notizia il sindaco Brenda Barnini in un post sul suo profilo Facebook commentando: "A distanza di un anno siamo ancora qui a dover chiedere ai cittadini senso di responsabilità".

Negli ultimi giorni i dati in aumento dei contagi nell'Empolese hanno destato più di una preoccupazione, e ieri sera dalla direzione sanitaria dell'ospedale San Giuseppe si dava conto della necessità di aprire la seconda terapia intensiva dedicata al Coronavirus (vedi articoli sotto). La riflessione del sindaco dunque apre alle prospettive immediate per la città rispetto alla pandemia.

"Ieri sono andata a fare la spesa settimanale per la famiglia. C'erano poche persone dentro al centro commerciale - scrive - e tutte molto attente a rispettare le regole. In serata invece la nostra polizia municipale dell'Unione dei Comuni dell'Empolese Valdelsa ha fatto venti multe in centro a persone che tenevano comportamenti scorretti. A distanza di un anno siamo ancora qui a dover chiedere ai cittadini di avere senso di responsabilità e a dover assumere decisioni difficili". 

"Aspettiamo la pubblicazione del nuovo decreto per capire quali saranno le novità nella gestione della pandemia nel nostro Paese. Le zone rosse - sottolinea Barnini - non chiedono solo sacrifici economici per le chiusure ma chiedono sacrifici di nuovo anche ai nostri ragazzi rimettendoli in didattica a distanza. Credo sia sempre più urgente pensare non solo ai ristori economici per le attività ma anche al supporto psicologico per famiglie, bambini e ragazzi che stanno dentro a questo casino e la loro salute fisica e mentale è il futuro che stiamo cercando di proteggere".

Ieri sono andata a fare la spesa settimanale per la famiglia. C'erano poche persone dentro al centro commerciale e tutte...

Pubblicato da Brenda Barnini su Domenica 28 febbraio 2021
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tornano ad aumentare i tamponi positivi che sono passati da 40 a 76. Scende invece la curva epidemiologica dell'area metropolitana
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità