Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:EMPOLI17°31°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 12 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tifosi in coro, i finlandesi cantano «Christian» e quelli danesi rispondono «Eriksen»

Attualità mercoledì 26 maggio 2021 ore 10:41

Oasi Arnovecchio, ripartono le visite guidate

Riprendono le visite guidate organizzate dal Centro di Ricerca del Padule di Fucecchio che gestisce l'intera area per conto del Comune di Empoli



EMPOLI — Dopo le aperture al pubblico, nell’oasi di Arnovecchio riprendono anche le visite guidate a tema organizzate dal Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio, che gestisce l'area per conto del Comune di Empoli.

Per garantire la sicurezza del personale e dei visitatori, all’interno dell'area è sempre obbligatorio l'uso della mascherina di protezione e sono consigliati il binocolo, scarpe chiuse o scarponcini da trekking ed eventualmente un repellente per le zanzare.

Mercoledì 2 Giugno 2021 la visita “Birdwatching primaverile e fioriture di stagione”: un’occasione per conoscere meglio la fauna e la flora dell’area naturale protetta di Arnovecchio in compagnia di una Guida Ambientale del Centro.

In questo periodo nella vegetazione ripariale i rami degli alberi sono animati dai canti dei piccoli uccelli migratori come l’Usignolo e il Rigogolo che, dopo aver passato l’inverno in Africa, hanno affrontato un lungo viaggio per venire a nidificare alle nostre latitudini. Sul lago un altro ospite coloratissimo è il Martin pescatore, elegante combinazione di arancione e blu-turchese dai toni metallici che con un po’ di fortuna lo si può osservare mentre sul posatoio aspetta l'occasione per tuffarsi in acqua e catturare pesciolini ed altre piccole prede.

Sarà anche l’occasione per conoscere meglio le fioriture primaverili dell’area protetta, dalle specie più comuni come l’Iperico a quelle più rare ed interessanti come l’Orchidea piramidale, e le farfalle multicolori che approfittano del nettare offerto dai vari fiori. I lepidotteri, come le libellule ed altri insetti, frequentano la vegetazione spontanea ma anche le essenze del “giardino delle farfalle”, allestito con piante che forniscono cibo agli adulti ma soprattutto sono in grado di assicurare il nutrimento per i bruchi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Conti correnti, auto e aziende sono stati confiscati dalla guardia di finanza a un imprenditore accusato di riciclaggio e autoriciclaggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità