Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:EMPOLI15°30°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 24 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Chi non salta nerazzurro è...», Berlusconi affacciato in piazza Duomo salta con i tifosi

Attualità lunedì 24 gennaio 2022 ore 15:33

Ricordati Falco e Ceravolo, vittime del terrorismo

Deposta una corona di alloro, per ricordare il brigadiere Falco e l'appuntato Ceravolo, al cippo commemorativo collocato nel Commissariato di Empoli



EMPOLI — Ricorre oggi il 46esimo anniversario della scomparsa del Brigadiere delle allora Guardie di Pubblica Sicurezza Leonardo Falco, nato a Ischitella, e dell’appuntato Giovanni Ceravolo, originario di Bovalino e del ferimento dell’appuntato Arturo Rocca, nato a Nardò.

Questa mattina il questore della provincia di Firenze, in rappresentanza del Capo della Polizia alla presenza del vice prefetto Grazia La Fauci, dell’assessore Ponzo Pellegrini, del cappellano provinciale della Polizia monsignore Luigi Innocenti, del presidente dell’ ANPS di Firenze Sergio Tinti e dei familiari della vittime, ha deposto una corona di alloro, come simbolo di ricordo perpetuo, al cippo commemorativo collocato nel Commissariato di Empoli.

A seguire il cappellano della polizia di Firenze, monsignor Luigi Innocenti, ha celebrato una messa in suffragio presso il Santuario Madonna del Pozzo e subito dopo il Questore ha posato un mazzo di fiori sulla pietra ad inciampo sul luogo della morte, in Viale Boccaccio.

Il 24 Gennaio 1975, in via Boccaccio ad Empoli, Leonardo Falco e Giovanni Ceravolo, persero la vita mentre eseguivano un mandato di cattura nei confronti di un empolese, mentre l’appuntato Arturo Rocca rimase gravemente ferito.

Il 12 Maggio 2004 il Brigadiere Falco è stato insignito della medaglia d’oro al Merito Civile con la seguente motivazione “Impegnato insieme ad altro commilitone in una perquisizione domiciliare, finalizzata all’arresto di un pericoloso terrorista, veniva mortalmente raggiunto da colpi d’arma da fuoco proditoriamente esplosigli contro dal criminale, sacrificando la vita ai più nobili ideali di coraggio ed alto senso del dovere. 24 gennaio 1975 - Empoli (FI)”

Nel 2006 l’Appuntato Ceravolo è stato insignito della medaglia d’oro al Merito Civile alla memoria con la seguente motivazione “Alla memoria dell’appuntato di P.S. Giovanni Ceravolo - Medaglia d’oro al merito civile con la seguente motivazione: Rimasto accanto all’autovettura di servizio, nel corso di un’operazione di polizia finalizzata all’arresto di un pericoloso terrorista, mentre i colleghi procedevano alla perquisizione dell’abitazione di quest’ultimo, veniva barbaramente trucidato dal criminale a colpi d’arma da fuoco, mentre si accingeva a correre in aiuto dei colleghi in difficoltà. Nobile esempio di attaccamento al dovere spinto fino all’estremo sacrificio. 24 gennaio 1975 – Empoli” 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Aveva sottratto il veicolo di una gelateria di San Casciano e nel giro di ore i carabinieri di Empoli e Scandicci lo hanno rintracciato a San Miniato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità