comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 22°33° 
Domani 22°34° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 15 agosto 2020
corriere tv
Salvini: «Se quello che si dice dei verbali Cts fosse vero, Conte andrebbe arrestato»

Attualità martedì 14 luglio 2020 ore 12:29

Verso la riqualificazione della ex colonia penale

L'Isola di Capraia

E' uno degli obiettivi del Progetto di paesaggio per l'isola di Capraia, che mette assieme valorizzazione del territorio e lotta allo spopolamento



CAPRAIA ISOLA — E’ stato approvato in Regione il Progetto di paesaggio per l’isola di Capraia. Lo scopo è qualificare e valorizzare gli aspetti di interesse paesaggistico ed antropico e le risorse peculiari nell’ambito dell’arcipelago toscano, promuovendo e salvaguardando i valori identitari dell’isola, migliorare le condizioni di sostenibilità sociale anche per prevenire i rischi dello spopolamento.

Dunque si incrementano azioni per incentivare nuova residenzialità soprattutto dei giovani, individuare misure per la riqualificazione della zona dell’ex colonia-carcere penale, favorire attività di carattere rurale connesse a produzioni agricole tipiche dell’isola, favorire l’uso di energie rinnovabili, lo sviluppo economico e sociale, la fruizione turistico-ricreativa, migliorando la viabilità e l'accessibilità.

L’isola di Capraia insieme alla Ferro-ciclovia della Val d’Orcia e al Pratomagno sono i tre territori dove sono stati appena avviati i nuovi tre Progetti di paesaggio ideati dalle amministrazioni comunali toscane.

Dopo il varo e la conclusione del primo Progetto di paesaggio, quello relativo a 'Le Leopoldine in Val di Chiana', hanno appena tagliato i nastri di partenza questi ulteriori tre.

"I Progetti di paesaggio - hanno spiegato dalla Regione Toscana -, superando un modo di pensare al paesaggio soltanto come vincolo, sono infatti strumenti attuativi del PIT (Piano di indirizzo Territoriale) basati sugli indirizzi del PRS (Programma Regionale di Sviluppo), che rispondono a esigenze di medio e lungo periodo, concordati, costruiti e concertati con le istanze locali sia istituzionali che economico-sociali".

“Sono molto soddisfatto per questa ulteriore partenza – ha commentato l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli –. Dopo il progetto di paesaggio delle Leopoldine, pioniere delle potenzialità del Piano Paesaggistico e della legge regionale 65/2014, l’attivazione ulteriore di questo nuovo strumento su altre tre realtà pregiatissime mi confermano la bontà delle nostre scelte e delle nostre strategie in campo urbanistico che svolgono la funzione che devono svolgere: far crescere i territori tutelandoli e valorizzarli mantenendo forte la loro identità". 

"Peraltro i Progetti di Paesaggio, una volta approvati, saranno uno strumento per attrarre risorse sul territorio sulle diverse politiche - ha aggiunto Ceccarelli -, perché il riconoscimento nel Piano paesaggistico regionale del paesaggio toscano come modello unico e di pregio da salvaguardare e valorizzare trova coerenza anche nella prossima programmazione comunitaria, che prevederà forme di sostegno e/o premialità a favore degli interventi inerenti il recupero e la valorizzazione degli aspetti paesaggistici, storico-culturali, rurali ed ambientali previsti proprio nei Progetti di Paesaggio”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità