QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 16°16° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 ottobre 2019

Politica domenica 05 marzo 2017 ore 15:10

Sala piena per Fassino che difende Lotti

Foto di: tratte da Fb

L'ex sindaco di Torino al circolo Arci: "Respingiamo gli attacchi violenti. Sempre garantisti noi, non ad intermittenza come i Cinque stelle"



MONTELUPO F.NO — Tantissime persone sono accorse al circolo di via Rovai a Montelupo per ascoltare Piero Fassino.

Il politico ha difeso Lotti: "La politica deve fare il suo mestiere, la magistratura pure. Guai a mischiare i compiti. Siamo garantisti sempre, non ad intermittenza come il Movimento 5 stelle, che è giustizialista con gli altri e garantista con i suoi. Respingiamo gli attacchi violenti e lo dico qui a Montelupo, che è il suo paese, stimo Luca Lotti, che è una persona perbene”. 

Questo uno dei passaggi più applauditi del discorso di Fassino, che questa mattina è stato ospite del circolo Arci Il Progresso di Montelupo Fiorentino, il primo incontro in Toscana in sostegno della candidatura di Matteo Renzi a segretario nazionale del Partito democratico.

Sala piena per l'ex sindaco di Torino che non si è risparmiato e ha parlato per più di un’ora. Presenti anche il sindaco di Montelupo Fiorentino Paolo Masetti, il segretario Pd Toscana onorevole Dario Parrini, i sindaci di Empoli Brenda Barnini, di Vinci Giuseppe Torchia e di Capraia e Limite Alessandro Giunti.

Il segretario del Pd comunale Andrea Marretti ha introdotto l’incontro con una breve disamina sul momento che sta vivendo il partito e il Paese, poi ha ceduto la parola a Fassino: “Siete in tanti - ha affermato - e questo è la conferma che il congresso è un momento importante di discussione e partecipazione. Questo congresso ha una particolare importanza perché quello che abbiamo alle spalle, tre intensi anni di governo Renzi, e quello che abbiamo davanti, amministrative in molti comuni a giugno, le regionali in Sicilia a ottobre, il referendum su voucher e appalti. Oltre al fatto che il governo Gentiloni sta cominciando a dare l’impianto alla legge di stabilità, che dovrà rilanciare il Paese. Credo che tutti questi temi saranno alla base della discussione del nostro congresso, per questo ritengo le scissioni sbagliate e dannose: si discute dentro il partito, dentro la comunità, non se ne esce per creare un forza politica di scarsa incidenza politica".

"Essere di sinistra - ha aggiunto Fassino - vuol dire battersi per risolvere i problemi della gente, più siamo forti più l’azione politica è efficace.

Fassino ha poi spiegato il suo sostegno all’ex premier: “Sostengo Renzi perché interpreta bene l’esigenza di riforma e cambiamento del Paese. Un leader è esposto ogni giorno a delle scelte difficili, l’asse strategico è la politica di cui ha bisogno il Paese. Quindi credo che bisognerà lavorare perché questo congresso abbia la maggior partecipazione possibile, per creare le condizioni che ogni iscritto, ogni simpatizzante senta che il Pd è casa sua.”



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cronaca

Cronaca