comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 8° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
domenica 29 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, Baldanti: «Pochi tamponi fatti? Le accuse sono un'offesa»

Attualità lunedì 21 settembre 2015 ore 16:27

Oltre 150 verbali per l'abbandono dei rifiuti

Daniele Vanni, assessore all’Ambiente, fa il punto: "Bene il porta a porta ma c'è sempre qualcuno che si comporta da incivile". Sanzioni salate



VINCI — L’introduzione 5 anni fa della raccolta differenziata spinta con il porta a porta integrale nel nostro comune ha determinato un incremento delle percentuali di raccolta differenziata, che superano ormai stabilmente l’80 per cento, ed un miglioramento della qualità della differenziazione.

“Per il raggiungimento di questo importante risultato - afferma Daniele Vanni, assessore all’ambiente - bisogna ringraziare i cittadini per la collaborazione e l’impegno che hanno profuso nel cambiare le proprie abitudini e la propria mentalità riguardo al ciclo dei rifiuti. Oggi la maggior parte dei cittadini riserva al corretto e virtuoso trattamento dei rifiuti prodotti un’attenzione ed una cura impensabile all’epoca dei cassonetti stradali. Significativa in questo senso anche la riduzione della quantità complessiva dei rifiuti prodotti rispetto al vecchio sistema. Porre attenzione ai rifiuti prodotti, infatti, porta anche a porre attenzione a quello che si acquista. Purtroppo resta una minoranza di persone e di imprese che ancora attuano comportamenti incivili. C’è chi ancora abbandona i rifiuti lungo le strade, presso le campane del vetro o i cestini stradali o peggio nei campi e nei boschi, creando gravi danni all’ambiente, al decoro e al servizio pubblico di raccolta. Tuttavia in questi anni si è affinata la capacità della nostra Polizia Municipali, degli uffici comunali e del gestore Publiambiente nel perseguire i comportamenti incivili ossia nell’individuare, i responsabili degli abbandoni e dei conferimenti irregolari attraverso l’ispezione dei rifiuti, l’incrocio dei dati e le indagini più approfondite. Dobbiamo inoltre ringraziare anche la GAV (Guardie Ambientali Volontarie) che in questi anni ha svolto un’attività fondamentale per la segnalazione e l’individuazione dei responsabili di abbandono dei rifiuti.”

 L’abbandono dei rifiuti è punito, ai sensi dell’articolo 255 del Codice dell’Ambiente, ossia del decreto legislativo 152 del 2006 con una sanzione da 300 a 3mila euro se si tratta di rifiuti non pericolosi e fino a 6mila euro se si tratta di rifiuti pericolosi come batterie, Eternit, oli minerali ecc. Più contenute ma più frequenti sono le sanzioni per conferimento irregolare di rifiuti nel caso che questi vengano lasciati nei cestini stradali, accanto o dentro le campane stradali se diversi dal vetro . In questi casi le sanzioni sono imposte in base al regolamento del servizio di raccolta rifiuti, che nell’ultima versione è stato approvato dal Consiglio Comunale con Delibera 27 del 4 luglio 2013, art. 82 che prevede sanzioni da 50 a 500 Euro, di norma non meno di 100 euro.

Nel Comune di Vinci nell’ultimo anno, da settembre 2014 ad agosto 2015 sono stati emessi 157 verbali sanzionatori per abbandono di rifiuti.

“Resta comunque ancora molto lavoro da fare per migliorare il servizio di raccolta differenziata e per ridurre gli abbandoni di rifiuti domestici e pericolosi sul territorio e i conferimenti irregolari – continua l’assessore Vanni -. Il Comune ha allo studio innovazioni per migliorare ulteriormente sia la funzione di repressione dei comportamenti incivili, sia per migliorare l’informazione e il servizio. Come sempre resta essenziale la collaborazione attiva dei cittadini, che non è mai mancata".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità