Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:EMPOLI10°14°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 08 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Papa si commuove mentre prega davanti alla statua della Madonna: «Avrei voluto portarti il ringraziamento del popolo ucraino»

Attualità venerdì 09 gennaio 2015 ore 14:24

"Siamo soli, ma proseguiamo la nostra lotta"

A due anni dall'inizio del presidio i lavoratori della Shelbox denunciano l'inerzia della politica e degli imprenditori e rivolgono l'ennesimo appello



CASTELFIORENTINO — "L'unico attore di questa vicenda che non si è dimenticato dei lavoratori è il sindacato", ha iniziato così il segretario generale della Fiom Cgil di Firenze, Daniele Calosi, durante l'incontro con la stampa per fare il punto della situazione sulla vertenza Shelbox, a due anni dall'inizio del presidio. Due anni di fatica, di delusioni e di false speranze, come quella alimentata dall'imprenditore Di Lauro, che qualche mese fa sembrava sul punto di rilevare l'azienda e che poi ha fatto marcia indietro lasciando per l'ennesima volta nell'incertezza i 110 lavoratori dell'azienda.

Due anni alla fine dei quali,ha denunciato il sindacato, le persone sono state lasciate sole anche dalla politica che tornerà ad occuparsi della vicenda, si è detto sicuro Calosi, solo in occasione delle prossime campagne elettorali.

"Le abbiamo provate tutte - ha detto ancora Calosi - siamo arrivati addirittura ad avere un incontro con Papa Francesco, un incontro per il quale ringraziamo la Curia fiorentina per l'impegno e la sollecitudine. Ma purtroppo la vicenda della Shelbox - ha proseguito il segretario della Fiom - è lo specchio dell'Italia di oggi, contrassegnata dall'assenza di una classe politica e imprenditoriale efficace e seria."

L'incontro di oggi, per la Cgil e per i lavoratori ha avuto l'obiettivo di rimettere questa vertenza al centro dell'attenzione e di chiedere ufficialmente un incontro al sindaco della Città Metropolitana, Dario Nardella, per ottenere da lui un sostegno concreto nella ricerca di un imprenditore che possa rilevare l'azienda. Un'azienda, è stato sottolineato con forza, che è fallita per l'irresponsabilità del gruppo dirigente che l'ha gestita e che solo grazie al presidio che è andato avanti ininterrottamente per due anni potrebbe riprendere la propria attività in poco tempo.

"Questi due anni di presidio rappresentano un compleanno amaro - ha detto Massimo Simoncini, della RSU di Shelbox - ma continuiamo a lottare, nella convinzione che il futuro della nostra azienda non sia meno importante di quello della Lucchini o delle acciaierie di Terni.

Parole di stima e di apprezzamento, infine, sono state rivolte nei confronti del curatore fallimentare, che ha gestito la situazione non solo con l'attenzione sacrosanta agli aspetti legali della vicenda ma anche con la cura e la vicinanza nei confronti delle persone coinvolte in questa vertenza.

Il presidio dunque proseguirà fino a quando il curatore stesso consentirà ai lavoratori di portarlo avanti, nella speranza che la proposta buona arrivi prima dell'indizione dell'asta sull'immobile, che, mettendolo in vendita a prezzo di mercato, renderà ancora più difficile l'acquisto e allontanerà a tempo indeterminato una soluzione positiva della vicenda.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I residenti hanno chiesto di poter utilizzare le aree gioco con maggiore tranquillità per lo svago dei più piccoli. Controlli mirati dei carabinieri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità