comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:EMPOLI14°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 26 novembre 2020
corriere tv
Morto Maradona, quando si raccontò a Kusturica: «La droga? Immaginati che giocatore sarei stato senza cocaina»

Attualità mercoledì 03 aprile 2019 ore 18:02

Trasporto eccezionale in FiPiLi

Previsti rallentamenti in superstrada sulla tratta Firenze – Montelupo Fiorentino e sulla tratta Montelupo Fiorentino – Livorno



FIRENZE — A causa del transito di un trasporto eccezionale, le prossime notti si potranno registrare forti rallentamenti sulla superstrada FiPiLi, nel tratto da Firenze a Livorno, in direzione mare. Lo rende noto un comunicato della polizia stradale.

Il convoglio muoverà questa sera dalla Nuovo Pignone, per entrare in FiPiLi e uscirà a Ginestra Fiorentina per raggiungere, poi, Montelupo Fiorentino all’alba del 4 aprile, dove sosterà.

Lo stesso convoglio è previsto che ripartirà da Montelupo Fiorentino alle 23.50 circa del 4 aprile alla volta del porto di Livorno. L'arrivo è programmato per il 5 aprile alle prime luci del mattino.

Per tale motivo, verrà chiusa la rampa in ingresso ed in uscita dello svincolo di Ginestra Fiorentina, in direzione mare, dalle 19 di stasera fino alle 6 del successivo 4 aprile.

Chiusa anche la rampa di ingresso dello svincolo di Montelupo Fiorentino, in direzione mare, dalle 23.50 circa di stasera fino alle 23.50 circa di domani.

Forti rallentamenti sono previsti sulla tratta Firenze – Montelupo Fiorentino (direzione mare) dalle 23.50 circa di oggi fino all’alba di domani e sulla tratta Montelupo Fiorentino – Livorno (direzione mare), dalle 23.50 circa del 4 aprile fino alle prime luci del mattino del giorno successivo.

I viaggiatori verranno avvisati mediante apposita segnaletica di preavviso, anche in relazione ai percorsi alternativi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità