QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 10°13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 14 novembre 2019

Cronaca lunedì 21 ottobre 2019 ore 19:00

Erika, la discoteca e quelle maledette pasticche

La ragazza potrebbe aver portato con sè da Livorno la droga che l'ha uccisa. Ascoltati una trentina di testimoni. Disposta l'autopsia



VINCI — Uno dopo l'altro i carabinieri stanno interrogando i testimoni della tragedia avvenuta sabato notte nella discoteca Jaiss di Sovigliana, dove una ragazza di 19 anni, Erika Lucchesi, residente a Livorno, è deceduta dopo aver assunto alcune pasticche di sostanza stupefacente, probabilmente ecstasy. Il locale è stato posto sotto sequestro. L'ipotesi di reato formulata dalla procura di Firenze è quella di morte in conseguenza di un altro reato, cioè spaccio di stupefacenti.

Gli investigatori sono sulle tracce del pusher che ha fornito alla giovane la droga mortale ma ritengono che potrebbe non essere della zona dell'Empolese: dai riscontri investigativi è emerso che Erika potrebbe aver portato la sostanza stupefacente nella discoteca di Sovigliana direttamente da Livorno, la città in cui abitava. Alcuni giovani che erano in sua compagnia quella notte affermano che la ragazza ha inghiottito da due a quattro pastiglie, i racconti, su questo punto, sono discordanti. Poi, all'improvviso, si è alzata per andare in bagno, ha detto "mi sento male" ed è crollata a terra. 

Sul corpo di Erika sarà eseguita l'autopsia anche se, al momento, il pm non ha ancora conferito l'incarico a un medico legale.

Poche ore prima della tragedia due persone erano state fermate per spaccio di droga nei dintorni della discoteca. Gli arresti sono stati convalidati ma gli investigatori ritengono che siano entrambi estranei alla vicenda di Erika.



Tag

Dolomiti, caos e disagi per la neve

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Cronaca

Attualità