QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 5° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 23 gennaio 2020

Cultura giovedì 12 maggio 2016 ore 11:06

"Cheerleaders" ai Macelli

Collettivo Pirate Jenny – pagina Facebook

Uno spettacolo teatrale dedicato alla parte sportiva dell'incitamento sportivo: un gioco di parole che si ripete sul palco



CERTALDO — Sabato 14 maggio alle ore 21.30, ultimo appuntamento per il teatro e la danza al Centro “I Macelli” di piazza Macelli 1, con "Cheerleaders" di Collettivo PirateJenny.

Eat. Sleep. Cheer. Repeat. Ovvero mangia, dormi, sostieni (supporta, incoraggia), ripeti. Sono questi i movimenti ritmati e ossessivi che gli interpreti di “Cheerleader” danzano, o meglio, agiscono, come in uno sport, in scena, prendendo come metafora espressiva la tifoseria più sportivamente organizzata che esista, quello del “cheerleading”: ovvero il dare sostegno ad una parte in gioco creando un vero e proprio sport, fatto di movimenti e ritmo. Azioni che diventano codice condiviso, linguaggio corporeo capace di dare senso di appartenenza ad un gruppo, per sopravvivere rispetto al senso di anonimato quotidiano, sopravvivere però anche a discapito della propria individualità, adeguandosi a codici comportamentali condivisi.

“Cheerleaders” trae ispirazione proprio dal Cheerleading, sport nato negli Stati Uniti a fine Ottocento, che combina coreografie di ginnastica, danza e acrobazia, sia per concorrere a gare specifiche che per incoraggiare sul campo di gioco le squadre in competizioni sportive (football, baseball, etc...). Sport che con oltre 1 milione e mezzo di praticanti è tra i più diffusi negli Stati Uniti.

“Cheerleaders è un concetto astratto che funge da contenitore tematico per raccogliere da un lato la necessità umana di auto-incitamento e dall’altro quella di rispondere al bisogno di appartenenza e identificazione ad un gruppo. Il nostro obiettivo è parlare del come la vita vada oggi “performata” per poterla dimostrare – spiegano gli autori e interpreti – Per sfuggire all’invisibilità è necessario appartenere. Perché il gruppo assicuri la salvezza al singolo componente è necessario che l’individuo accetti di muoversi entro e non oltre un codice stabilito. Il meccanismo si svela in immagini in cui è solo evocato e mai dichiarato l’incubo di restare in panchina, di non essere all’altezza di una piramide umana, di fungere solo da base per l’elevazione di qualcun altro. I valori evocati si rifanno ad un’epica contemporanea abitata da progettualità umane nutrite dall’immanenza delle emozioni, da un presente fatto di desideri modesti, precoci ed evanescenti.”



Di Maio esce di casa sorridente per andare al vertice a Palazzo Chigi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca