comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:EMPOLI10°15°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 28 novembre 2020

PAROLE IN VIAGGIO — il Blog di Tito Barbini

Tito Barbini

In primo piano per decenni, nella politica italiana, all’improvviso non ne senti parlare più. Chiedi e nessuno sa darti notizie. Poi scopri che ha fatto una cosa che molti vorrebbero fare, ma sognano soltanto: dare lo stop alla vita di sempre e partire. Tito Barbini, classe 1945, sindaco di Cortona a 24 anni, poi presidente della Provincia di Arezzo, infine per 15 anni assessore regionale prima all’Urbanistica e poi all’Agricoltura, amico personale di Francois Mitterand. Si mette dietro le spalle tutto questo e intraprende un viaggio lungo cento giorni, che lo porta dalla Patagonia all’Alaska. Cento giorni a piedi e in corriera, per bagaglio uno zaino. Da allora attraversa confini remoti e racconta i suoi viaggi e i suoi incontri nei libri. E’ ormai, a tempo pieno, scrittore di viaggi. Più di dieci libri, non solo geografia fisica, paesaggi e luoghi, ma geografia della mente. In Patagonia o nel Tibet, un mondo altro, fatto di dolori, speranze, delusioni. Nel 2016 è uscito il libro "Quell’idea che ci era sembrata così bella - Da Berlinguer a Renzi, il lungo viaggio"

​In ricordo di un compagno.

di Tito Barbini - giovedì 16 aprile 2020 ore 10:00

La mia Patagonia l’ho vissuta dentro a tante storie ma soprattutto nel racconto che Luis Sepulveda ha scritto e donato a questa terra. 

Ripenso a uno dei miei primi viaggi, tanti anni fa, con l’ultimo Patagonia Express. Un libro che mi ha aiutato molto a viaggiare e capire una terra scontrosa e poi amata. Dedico questo ricordo a Luis, nel giorno che ci ha lasciato. 

Da Nahuel Pan, Patagonia arida, un po’ prima della fine del mondo, ogni giorno, o quasi, parte un treno. Torna a Esquel da dove è partito, frontiera di neve col Cile. Dai finestrini vengono incontro e si materializzano all’improvviso vecchie stazioncine abbandonate, vagoni lasciati lì a corrodersi e a lottare con il vento. A volte dalle stazioni deserte si dipanano rotaie arrugginite che si dirigono verso il nulla. Sepulveda riusciva a ritrovarsi e farci trovare tra i diseredati del mondo. Per questo nei suoi libri era stato guardiano di pecore e mucche nelle praterie patagoniche, per questo aveva abitato con i pescatori di granchi rossi a Punta Arenas , ultima città del Cile e attraversato con loro lo stretto di Magellano. Aveva vissuto con Francisco Coloane in mezzo ai cacciatori di foche, aveva navigato con lui a fianco di balene bianche.

Poi, a quarant’anni, aveva cominciato a scrivere. Era scampato a Pinochet che voleva tutti i comunisti morti o in galera o torturati nell’isola di Dawson. Era amico di Salvador Allende e lo aveva difeso, prima di essere preso, nel Palazzo della Moneta a Santiago del Cile, nel terribile giorno del golpe fascista. 

Scrisse e ci raccontò il suo mondo alla fine del mondo. Fatto di oceani lividi, di fiordi e parole semplici, popolati di foche e balene, pescatori e naufragi. Naufragi di legni ma anche di uomini. E la sua Patagonia coperta di erba grassa e bestiame asciutto e venti che conoscono la libertà.
E il rumore del treno scandisce le parole che arrivano come doni inaspettati. Impossibile non pensare alle parole che Sepúlveda volle dedicare a Coloane:
"Iniziai a camminare nel parco, poi per le strade deserte, all’improvviso mi accorsi che l’eco dei miei passi si moltiplicava. Non ero solo. Non sarei stato solo mai più.

Coloane mi ha passato i suoi fantasmi, i suoi personaggi, gli indios e gli emigranti di tutte le latitudini che abitano la Patagonia e la Terra del Fuoco, i suoi marinai e i suoi vagabondi del mare. Adesso sono tutti con me e mi permettono di dire a voce alta che vivere è un magnifico esercizio".

Tito Barbini

Articoli dal Blog “Parole in viaggio” di Tito Barbini

 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Cronaca