QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 16°16° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 ottobre 2019

Attualità venerdì 22 dicembre 2017 ore 19:16

Un magnate texano si compra la storica villa

Villa di Bibbiani

La villa di Bibbiani è finita nelle mani di Rapier III George Mc Carroll e della moglie Kymberly Ann. Il sindaco Giunti li ha incontrati



CAPRAIA E LIMITE — La Villa di Bibbiani cambia proprietà. Dopo 80 anni esatti (era il 1937) di conduzione da parte della famiglia Del Gratta, la dimora storica e il giardino botanico con sede a Capraia e Limite sono stati acquistati da Rapier III George Mc Carroll e Rapier Kymberly Ann, coniugi statunitensi di Dallas, Stato del Texas. 

La Villa è un edificio elegante risalente al XVI secolo, feudo della famiglia Frescobaldi. Pare che sia stata preceduta nel tempo da un insediamento etrusco collegato a Montereggi e, secondo il primo documento scritto risalente al 767 d.C., da una proprietà longobarda, prima che l’area passasse al monastero benedettino di Pistoia. Nel 1790, la Villa passò a Anastasia Frescobaldi e, tramite lei, alla famiglia Ridolfi a seguito del suo matrimonio con Pietro Ridolfi. 

Il loro figlio Cosimo, agronomo e presidente dell’Accademia dei Georgofili di Firenze dal 1842 al 1865, ereditò il complesso nel 1809 e realizzò il giardino botanico di circa 20 ettari, con pini domestici, cedi del Libano, abeti del Caucaso, piante esotiche orientali. 

Il parco, metà giardino all’inglese e metà all’italiana, presenta arredi in pietra, statue, giochi d’acqua. 

Nei giorni scorsi, la nuova proprietà ha fatto visita in Comune al sindaco Alessandro Giunti per presentarsi e spiegare i progetti sul complesso. 

“Sono rimasto colpito positivamente dai nuovi proprietari, con cui c’è stato un incontro importante per capire le loro intenzioni e, da parte mia, ribadire l’interesse della nostra comunità per la Villa di Bibbiani, un gioiello storico, artistico e naturale a cui teniamo particolarmente. Come Amministrazione, siamo disponibili a ascoltare e a collaborare per iniziative future”, commenta il sindaco Giunti. 

“Il pensiero - ha aggiunto il sindaco - non può però non andare al professor Luigi Donato, un cardiologo di fama mondiale che ha sempre voluto un gran bene alla comunità di Capraia e Limite, non mancando di dimostrare la sua vicinanza, il suo sostegno e il suo affetto per il nostro territorio e la popolazione. Desidero ringraziarlo in maniera sincera per l’impegno portato avanti nel corso della sua vita e per tutto quanto ha fatto per Bibbiani e il nostro paese. Non mancheremo di sottolineare pubblicamente questo aspetto”. 

Luigi Donato, dopo la laurea nel 1952, ha insegnato e ha svolto ricerca in molti Stati del mondo, prima della cattedra e dell’impegno nel Cnr a Pisa a partire dal 1969. Ai suoi studi e alla sua pratica di cardiologo sono riconosciute capacità di innovazione, qualità clinica e progettualità della ricerca.



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cronaca

Cronaca