comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 14°25° 
Domani 15°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 02 giugno 2020
corriere tv
Dl Rilancio, Conte: «Eliminata la prima rata Imu per hotel e stabilimenti balneari»

Attualità sabato 16 maggio 2020 ore 09:16

Dieci proposte per ripartire

Un momento della manifestazione

Commercianti, artigiani, sindaco e giunta comunale manifestano in Piazza Gramsci e formulano un programma unitario, articolato in 10 punti



CASTELFIORENTINO — “Non lasciateci soli. Perché il difficile viene adesso”. Sono consapevoli delle difficoltà che li attendono, ma altrettanto determinati nel farsi sentire. Decine di commercianti, piccoli artigiani, operatori del settore della ristorazione e del turismo si sono ritrovati ieri mattina in Piazza Gramsci insieme al sindaco e alla Giunta Comunale per manifestare e presentare al Governo e alla Regione Toscana un documento unitario, articolato in 10 punti.

Dieci proposte per far ripartire l’economia castellana, quasi un manifesto in vista della riapertura, prevista lunedì 18 maggio con le attività di commercio al dettaglio, cui seguiranno nel giro di pochi giorni quelle dei parrucchieri, estetisti, gestori dei pubblici esercizi (bar e pasticcerie, ristoranti).

Anzitutto, sul versante del turismo. Il documento programmatico chiede provvedimenti ad hoc (una legge) per rilanciare un settore che è in realtà trasversale: interessa il commercio, l’artigianato, la ristorazione. Poi il tema delle risorse, dei contributi a fondo perduto, del sostegno alle locazioni (misure ulteriori e con effetti immediati rispetto al credito d’imposta del 60% già previsto dal Governo), del contributo da parte dello Stato agli enti locali, dell’accesso al credito attraverso procedure più rapide.

Ancora, il tema della concorrenza. Con l’emergenza sanitaria “la web tax non è più rinviabile” tuona il punto sette del documento. Occorre “ridimensionare un’assurda disparità di trattamento” fiscale che penalizza i piccoli esercizi commerciali, quelle attività che svolgono peraltro una delicata funzione di vitalità e di presidio dei centri storici. I commercianti colgono peraltro occasione per apprezzare il rinvio dei saldi al 1 agosto, e chiedono (oltre al fatto che questa misura sia recepita quanto prima dalla Regione Toscana) che tale data diventi “strutturale” anche per i prossimi anni. Tra le misure immediate, gli operatori chiedono inoltre “un intervento normativo” che costringa i “grandi gestori” a ridurre sostanzialmente le bollette a carico di famiglie e imprese.

Infine, i gestori dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub), parrucchieri ed estetisti invitano le istituzioni a sedersi intorno a un tavolo per trovare una soluzione che sia in grado di assicurare a loro e a tutti i clienti la massima sicurezza e le condizioni minime per poter far ripartire in efficienza la loro attività.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità