QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 14° 
Domani 10°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 07 dicembre 2019

Attualità mercoledì 14 agosto 2019 ore 12:05

Saharawi, dieci piccoli ambasciatori di pace

Sono arrivati ieri pomeriggio e alloggeranno nella scuola elementare “Roosevelt. Svolgeranno le attività contemplate nel programma di accoglienza



CASTELFIORENTINO — Sono arrivati con i loro sorrisi a portare un messaggio di speranza. Sono i dieci “piccoli ambasciatori di pace” Saharawi, il popolo del Sahara occidentale che da decenni si batte per la propria libertà e il proprio diritto all’autodeterminazione, arrivati ieri pomeriggio a Castelfiorentino nell’ambito del progetto di accoglienza promosso ogni anno dall’associazione “Hurria”.


I bambini (5 femmine e 5 maschi, oltre all’accompagnatore che da alcuni anni svolge anche un ruolo prezioso di mediazione culturale) hanno appena completato gli accertamenti e le cure di carattere sanitario e sono stati accolti nei locali della scuola elementare “Roosevelt”, trasformata in una sorta di “campo base” da cui potranno svolgere una serie di attività che spaziano dai giochi alle opportunità di socializzazione con altri bambini di Castelfiorentino. Nel programma di accoglienza, inoltre, sono previste alcune gite “fuori porta”, grazie al pulmino messo gentilmente a disposizione dalle Pubbliche Assistenze di Empoli e Castelfiorentino. Tra queste ultime, figurano una giornata al mare a Donoratico (mattino in spiaggia e pomeriggio al “Cavallino matto”), una visita a Montaione alla Casa di riposo “Villa Serena” (sempre a Montaione sono previste anche attività di arrampicata), e infine una giornata a Firenze (per quest’ultima sarà utilizzato il treno).

“Conosco a fondo la loro storia in quanto l’ho seguita prima di tutto come volontario – osserva l’Assessore Alessandro Di Masi – un’attività che mi ha sempre dato molto, perché solo aiutando il prossimo puoi risvegliare il buono che c’è in ognuno di noi. Quando ci mettiamo in gioco non bisogna mai chiedersi: “Chi sono gli altri per essere aiutati”, ma farsi la domanda: “Chi sono io per non aiutarli?”. Per questo, il sostegno a progetti mirati di volontariato è un modo per dare una mano agli altri e nel contempo risvegliare le parti più “chiuse” di noi stessi”.

I Saharawi, che sono già stati ricevuti dall’Amministrazione Comunale durante l’ultima seduta del Consiglio Comunale tenutasi prima della pausa estiva (30 luglio), parteciperanno inoltre lunedì 19 agosto all’evento promosso dal Museo Be.Go “Dialogo con l’artista Davide Dall’Osso tra Museo e Città”, nel quale l’artista racconterà ai bambini di Castelfiorentino il percorso dell’uomo, del viaggio, della scoperta, della diversità insita in ogni essere umano che sono i temi della mostra diffusa “Lo spazio per essere”. La camminata prenderà il via alle ore 17.00 dalla Pieve di Sant’Ippolito per poi proseguire lungo le vie del centro e concludersi al Museo Be.Go.

La festa di saluto dei bambini Saharawi è prevista il giorno dopo (martedì 22 agosto) nei giardini della scuola elementare Roosevelt (ripartiranno da Roma il 24). L’accoglienza ai Saharawi è promossa dalle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli e Castelfiorentino, dall’Associazione “Hurria” e dal Comune di Castelfiorentino con il contributo del Comune e della Banca Cambiano 1884 spa. Un contributo è venuto anche dalla Misericordia di Castelfiorentino.



Tag

Governo, Conte: «Per Renzi è a rischio? Lui pessimista cosmico»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità