Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:EMPOLI11°18°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità giovedì 14 ottobre 2021 ore 13:03

C'era una volta il Padule di Fucecchio

Padule di Fucecchio
Padule di Fucecchio

Storia e valore naturalistico dell'area protetta sono al centro di un ciclo di incontri alla biblioteca Perodi anche con visite e laboratorio



CERRETO GUIDI — C'era una volta il Padule di Fucecchio: storia e valore naturalistico dell'area protetta sono al centro di un ciclo di incontri comprensivi di visite e laboratorio organizzati alla biblioteca Emma Perodi di Cerreto Guidi tra Ottobre e Novembre dal Comune di Cerreto Guidi e il Centro di Ricerca Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio Onlus, con il contributo della Regione.

Il ciclo si intitola Alla scoperta del Padule di Fucecchio e si colloca in linea con la convenzione siglata anche dal Comune di Cerreto Guidi con la Regione Toscana che prevede tra i suoi obiettivi la “realizzazione di attività di animazione culturale, quali incontri e seminari a carattere divulgativo e/o scientifico su tematiche inerenti le aree protette e la tutela e la conservazione naturale, lo sviluppo sostenibile, il patrimonio storico-artistico, la cultura materiale, i prodotti tipici dell’agricoltura e dell’artigianato ed altre espressioni culturali”.

Il Padule di Fucecchio, con un’estensione di circa 1.800 ettari fra le province di Pistoia e Firenze, è la più grande palude interna italiana: un luogo magico per gli amanti della natura, del birdwatching e della fotografia naturalistica. Ma il Padule offre anche testimonianze della storia legata alle grandi famiglie dei Medici e dei Lorena, luoghi della memoria dell’Eccidio del 23 agosto 1944 e attività tradizionali come la lavorazione delle erbe palustri. 

Durante il ciclo di incontri, diversi relatori con una grande esperienza nei vari settori, si alterneranno per guidare i partecipanti alla scoperta delle emergenze storiche e naturalistiche e delle tradizioni dell’area umida. Della storia del Padule parleranno Alberto Malvolti (dal Medioevo all’età moderna) e Matteo Grasso (l’Eccidio), mentre Alessandra Lucci condurrà un incontro e un laboratorio sulle erbe palustri e una visita sui luoghi della Memoria. 

Alessio Bartolini ed Enrico Zarri, del Centro di Ricerca, racconteranno la flora e la fauna del Padule e le attività di conservazione, gestione, fruizione e valorizzazione portate avanti per oltre vent’anni all’interno della Riserva Naturale. Il ciclo di incontri si concluderà, se le condizioni ambientali lo consentiranno, con una visita guidata all’osservatorio faunistico de Le Morette per osservare dal vivo l’avifauna svernante negli specchi d’acqua dell’area protetta.

Gran parte degli incontri programmati si terranno il venerdì alle 21. L’ ingresso è gratuito, ma per motivi di sicurezza sanitaria è gradita l’iscrizione. Il Comune ricorda che, in base alle normative, per accedere alla Biblioteca comunale è necessario essere muniti di Green Pass.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, 79 anni, è deceduta in ospedale dove era arrivata ieri in codice rosso dopo la caduta da una spalletta mentre era in visita al borgo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS