Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:58 METEO:EMPOLI10°20°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità giovedì 17 settembre 2015 ore 06:30

Downburst, Stabbia e Lazzeretto un anno dopo

Il 19 settembre iniziative nelle due frazioni. Il sindaco Rossetti: “Giornata di confronto e occasione per ringraziare chi ci ha aiutato”



FUCECCHIO — Ad un anno esatto dal downburst, il violento nubifragio che nel 2014 causò danni ingenti nelle frazioni di Stabbia e Lazzeretto, il Comune di Cerreto Guidi in collaborazione con la Pubblica assistenza di Fucecchio e Stabbia e l’associazione di volontariato di Protezione Civile Emergens, organizza una giornata di incontri e dibattiti nelle due frazioni colpite pesantemente dal maltempo.

Sabato 19 settembre alle 8,30 l’inaugurazione della cappellina della Madonna del Buon Consiglio in località Ponte di Masino a Stabbia, ristrutturata a seguito dei pesanti danneggiamenti subiti. Poi l’attenzione si sposterà al circolo Acsi della frazione dove, dalle 9,30 e nell’arco della mattinata, si svolgerà la tavola rotonda aperta alla cittadinanza dal titolo E-venti inattesi, esperienze a confronto. La presentazione sarà affidata al sindaco di Cerreto Guidi Simona Rossetti, al sindaco di Montelupo Paolo Masetti (delegato Anci per la Protezione Civile) e ad Andrea Sodi, presidente dell’associazione di volontariato di Protezione Civile Emergens. Dopo la proiezione del video Cerreto Guidi, dal downburst del 19 settembre 2014 ad oggi,  la parola passerà poi ai numerosi ospiti che interverranno sul tema degli eventi metereologici imprevisti, sempre più frequenti in un contesto di progressivi cambiamenti climatici. Si parlerà di come affrontare certe calamità, verranno dibattute varie esperienze e l’incontro sarà l’occasione per confronti e riflessioni. Sul palco compariranno il rappresentante del LAMMA Toscana, il professor Giovan Battista Mattii dell’Università di Firenze, il dirigente della Protezione Civile regionale Antonino Melara, il direttore generale dell’Arpat Maria Sargentini, il direttore del servizio di Protezione Civile della Città Metropolitana di Firenze Leonardo Ermini. Tra gli ospiti anche rappresentanti delle istituzioni locali e del volontario.

La tavola rotonda si protrarrà per tutta la mattinata di sabato, alle 13 le conclusioni saranno affidate al sindaco di Montelupo Paolo Masetti, ci sarà poi un aperitivo nei

locali della Pubblica Assistenza di Stabbia e nell’occasione verrà anche inaugurata un auto di servizio, una Dacia Sandero, acquistata con il contributo e l'impegno di tutti i volontari dell'associazione fucecchiese che andrà a sostituire quella distrutta durante il downburst.

Nel pomeriggio, dalle 16, la giornata continuerà al circolo Arci di Lazzeretto con l’iniziativa “Insieme ad un anno dal downburst”. Dopo l’intervento del sindaco di Montelupo Paolo Masetti che sintetizzerà i risultati e le riflessioni più importanti emerse dalla tavola rotonda del mattino, seguiranno gli interventi di Federica Fratoni (assessore all’ambiente della Regione Toscana), Angelo Bessi (consigliere delegato della Protezione Civile della Città Metropolitana di Firenze) oltre a numerosi rappresentanti di Anpas Toscana, Misericordia di Cerreto Guidi e Pubblica Assistenza di Stabbia. Parteciperanno all’incontro anche il parroco di Cerreto Guidi, Don Donato Agostinelli, e tutti gli enti e le associazioni di volontariato che si sono prodigati per aiutare la comunità di Cerreto Guidi colpita dal downburst.

Durante il pomeriggio verrà letto anche un intervento dell’associazione teatrale “La maschera” di Cerreto Guidi. In conclusione il sindaco di Cerreto Guidi, Simona Rossetti, consegnerà numerosi attestati di riconoscimento e ringraziamento a coloro che, il 19 settembre 2014, prestarono un aiuto concreto a tutta la popolazione di Stabbia e Lazzeretto.

"L'iniziativa non vuole essere un momento celebrativo o autocelebrativo – spiega il sindaco di Cerreto Guidi, Simona Rossetti -
ritengo piuttosto che sia importante e doveroso ricordare, perché il downburst del 19 settembre 2014 è stato un evento che ha stravolto il nostro paese, mettendo a dura prova l'amministrazione comunale e la cittadinanza. Sentiamo il bisogno di confrontarci con esperti e tecnici, per saperne di più, ed intendiamo anche, contestualmente, esprimere pubblicamente il nostro ringraziamento, come amministrazione comunale, a tutti coloro che hanno dato fattivamente, il loro aiuto. In particolare a tutta quanta la comunità cerretese, che fin dai primi minuti successivi all'evento si è rimboccata le maniche per ricostruire e ripartire. Naturalmente i ringraziamenti sono estesi, con grande sincerità, alle Istituzioni, ai numerosi Enti a noi vicini e alle tante associazioni che si sono prodigate, anche con gli interventi più svariati, per aiutarci concretamente in un momento di grandissimo bisogno". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli ispettori e la polizia municipale sono intervenuti a seguito della segnalazione dei cittadini che hanno notato la discarica lungo la strada
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità