QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 19°31° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 22 agosto 2019

Attualità mercoledì 19 settembre 2018 ore 17:50

Controllo del vicinato, 56 cittadini dicono si

Barnini: "Un’opportunità per tutti di vivere più tranquilli grazie alla collaborazione con persone amiche o che approfittano per diventarlo"



EMPOLI — Altre tre gruppi di cittadini si associano al Controllo del Vicinato, si tratta di 56 nuove persone che hanno deciso di aderire al progetto lanciato ormai da oltre un anno dalla sindaca di Empoli Brenda Barnini.

Proprio questa mattina, martedì 18 settembre, i tecnici del Comune hanno provveduto a dare evidenza di tutto questo apponendo sulle strade interessate i cartelli gialli che caratterizzano le zone dove i residenti si sono dichiarati ‘sentinelle’ e attenti osservatori di ciò che accade attorno alle loro abitazioni.

“Tutte le attività di prevenzione, se fatte insieme ai nostri vicini, funzioneranno meglio e ci guadagneranno le buone relazioni nella comunità”, è una delle frasi che si possono leggere sul sito web dell’associazione Controllo del Vicinato (ACdV), costituita nel 2013: è composta da una rete territoriale di volontari e specialisti volontari che forniscono consulenza e supporto alle amministrazioni comunali, alle associazioni locali e a privati cittadini che intendono sviluppare nel proprio territorio programmi di sicurezza partecipata e organizzare gruppi di Controllo del Vicinato.

Con i tre gruppi di Avane iniziano ad essere un discreto numero i cittadini ‘attivi’, infatti la rete si sta allargando, soprattutto nelle frazioni.

I primi a essersi associati sono stati alcuni cittadini di Vitiana, fra Pagnana e Avane; poi Via Tino da Camaino; tre gruppi nell’area collinare di Villanuova (San Friano, Piazzano e zona ‘Ponticino); altri residenti nella zona di Via Ponzano per San Donato, poi a Ponzano intorno al parco urbano, Via Nobile, Via Righi e Via Galletti.

Adesso è la volta di una sessantina di persone nella frazione di Avane che hanno conosciuto il progetto grazie a un’assemblea molto partecipata che il sindaco tenne nel marzo scorso al circolo Arci locale con le forze dell’ordine: carabinieri, polizia di stato e polizia municipale.

I cartelli sono stati apposti nella zona di Via della Motta, nei pressi di Riottoli, poi Piazza Matteoli e Via del Borghetto, Via di Avane e primo tratto Via della Motta.

I tre coordinatori dei tre gruppi sono Denise Bagni, Fabrizio Lupi e Angiolo Simoncini, che è anche presidente del Circolo Arci di Avane: "Speriamo di smuovere col nostro impegno altre persone. Chi vuol aderire ci contatti, in gruppi sono aperti, ad Avane ci conoscono tutti".

"Ringrazio i cittadini che hanno accolto l’invito dell’amministrazione – spiega Barnini –, il Controllo del Vicinato è un’opportunità per tutti di vivere più tranquilli grazie alla collaborazione con persone amiche o che approfittano di questa iniziativa per diventarlo e darsi semplicemente una mano fra vicini di casa, come hanno sempre fatto i nostri nonni. Fa piacere che numerosi empolesi stiano comprendendo la filosofia che sta alla base di questo progetto. Il mio invito è a aderire, informandosi, magari chiedendo alle stesse persone che già lo fanno come funziona e come si trovano dopo la loro partecipazione. Essere cittadini più attenti al proprio quartiere non costa nulla, ma è un importante deterrente per chi delinque che proprio dall’isolamento invece trae vantaggio".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità