comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 19°29° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 21 settembre 2020
corriere tv
Di Battista a Bari: «Il Movimento 5 stelle deve ricostruire la propria identità»

Attualità giovedì 12 dicembre 2019 ore 14:46

Educazione stradale, in 500 nel ricordo di Lorenzo

Quinta edizione del progetto David nelle scuole di Empoli e dell’Empolese Valdelsa. La campagna di sensibilizzazione non si è mai fermata



EMPOLI — Lorenzo Guarnieri aveva solo 17 anni quando venne ucciso, nella notte tra il 1 e il 2 giugno 2010 al Parco delle Cascine, a Firenze, travolto mentre era in scooter da un altro mezzo a due ruote guidato da un uomo di 45 anni che guidava sotto l'effetto di cannabis e alcol.

Oggi Stefano, padre di Lorenzo, ha parlato di sicurezza stradale ad una platea di 500 studenti delle scuole superiori in occasione del progetto di educazione stradale, David, Insieme per la sicurezza, nato nel ricordo del giovane ragazzo. Questa iniziativa è parte della campagna di sensibilizzazione per l’educazione stradale tra i giovani promosso dal Lions Club.

Gli studenti provenienti dalle scuole superiori di Empoli e dell’Empolese Valdelsa hanno dimostrato attenzione, ascoltando con consapevolezza della materia, ponendo molte domande a cui hanno ricevuto risposte importanti.

Fabio Barsottini, vicesindaco del Comune di Empoli, ha salutato la giornata e tutti i presenti spiegando che "il tema di questa mattinata potrà sembrare scontato ma non lo è. E’ un argomento vicino a tutti voi e a tutti noi. Imparare e cogliere alcuni aspetti della vita di tutti serve a crescere in una comunità libera e consapevole nel rispetto di noi stessi e di tutti gli altri".

L’iniziativa vuole continuare a sensibilizzare i giovani sulle conseguenze che potrebbe avere un loro comportamento sbagliato sulle strade. Lo slogan resta sempre quello: mettere più occhio alla strada, significa mettere più occhio alla vita. Di tutti.

"Da questa tragedia è nato un percorso importante - ha detto il presidente del Consiglio comunale Alessio Mantellassi-. Quando tornerete a casa, pensate alla doppia responsabilità che avete sulle spalle. Purtroppo strade e mezzi diventano pericolosi. Non dobbiamo fermarci e gestire il ‘post’ incidente. Mettiamoci insieme sulla sicurezza per prendere un pezzo di consapevolezza, questo può nascere all’interno della scuola stessa: questa è la lezione più importante che la scuola può darci".

Presenti i ragazzi degli istituti superiori G. Ferraris/Brunelleschi, Pontormo, Virgilio di Empoli, Istituto Calasanzio e conservatorio SS.ma Annunziata.

Il progetto David, acronimo di D- Dati e analisi (sistema informativo completo, unico e integrato) A- Aderenza alle regole (legge, pene, controlli) V- Vita e educazione (formazione e giovani e adulti) I- ingegneria (infrastrutture stradali) D- Dopo lo scontro (assistenza alle famiglie e analisi dello scontro), coinvolge circa 2000 ragazzi l'anno tra alunni delle terze medie, scuole superiori e società sportive. Questa è la dimostrazione di quanto l’evento ‘Progetto David’ colga ogni anno nel segno.




Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità