comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 19°29° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 21 settembre 2020
corriere tv
Di Battista a Bari: «Il Movimento 5 stelle deve ricostruire la propria identità»

Attualità venerdì 06 dicembre 2019 ore 16:33

L'educazione stradale nel ricordo di Lorenzo

Quinta edizione del progetto D.A.V.I.D. nelle scuole di Empoli e dell’Empolese Valdelsa. La campagna di sensibilizzazione non si è mai fermata



EMPOLI — Prosegue la campagna di sensibilizzazione per l’educazione stradale tra i giovani promosso dal Lions Club. Giovedì 12 dicembre 2019 il Palazzo delle Esposizioni di Empoli, in piazza Guido Guerra, ospiterà centinaia di studenti delle scuole di Empoli e dell’Empolese Valdelsa per assistere alla quinta edizione del progetto D.A.V.I.D. Insieme per la sicurezza, nel ricordo di Lorenzo Guarnieri.

Lorenzo è un ragazzo di 17 anni, fiorentino, ucciso nella notte tra il 1 e il 2 giugno 2010 al Parco delle Cascine, a Firenze, travolto mentre era in scooter da un altro mezzo a due ruote guidato da un uomo di 45 anni che guidava sotto l'effetto di cannabis e alcol.

L’iniziativa, rivolta alle classi terze, quarte e quinte delle scuole superiori dell’Empolese Valdelsa, vuole continuare a sensibilizzare i giovani sulle conseguenze che potrebbe avere un loro comportamento sbagliato sulle strade. Lo slogan resta sempre quello: mettere più occhio alla strada, significa mettere più occhio alla vita. Di tutti.

Lorenzo Guarnieri era un ragazzo fiorentino ucciso nella notte tra il 1 e il 2 giugno 2010 nel Parco delle Cascine a Firenze, travolto mentre era in scooter da un altro mezzo a due ruote guidato da un uomo di 45 anni che guidava sotto l'effetto di cannabis e alcol. Lorenzo aveva 17 anni e mezzo e frequentava il quarto anno del liceo scientifico, giocava a pallavolo nella Sales, fra tutti gli sport amava soprattutto il calcio. Da quel tragico giorno mamma Stefania e babbo Stefano hanno iniziato un’opera di sensibilizzazione a più livelli, dai coetanei del figlio al mondo delle istituzioni, impegnandosi in decine di incontri e coinvolgendo tante persone, avviando una lunga battaglia per il riconoscimento, poi avvenuto, del reato di omicidio stradale.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità