QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 16°16° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 ottobre 2019

Attualità venerdì 09 agosto 2019 ore 08:44

Rodolfo Lari va in pensione

Rodolfo Lari con il sindaco Barnini

Va in pensione Rodolfo Lari, colonna storica dell’evoluzione della rete scolastica di Empoli. Era in Comune dal lontano 1982



EMPOLI — Da gennaio ad oggi sono già quattro i colleghi andati meritatamente in pensione. Adesso è la volta della colonna storica dell’ufficio scuola del Comune di Empoli, che si è sempre occupato di scuola e della sua evoluzione: Rodolfo Lari.

Nel novembre del 1981 comincia la sua avventura lavorativa nel pubblico impiego a Barberino Val D’Elsa occupandosi di attività produttive in cui incontrò il suo primo amore e che sarebbe stato, poi, il suo lavoro a 360°: la scuola.

Arriva nel Comune di Empoli il 2 gennaio 1982 come impiegato nell’ambito dei servizi scolastici e dal 1 settembre 1983 diventa funzionario del settore.
Segue tutte le evoluzioni della rete scolastica della città, dalla chiusura delle scuole dell’infanzia, alla nascita del Centro Zerosei, al Trovamici e molto altro. Sempre nel 1983 da capo ufficio gli viene assegnata anche la responsabilità dello sport praticato in questa città.

In quasi quarant’anni ha conosciuto tanti Sindaci, da Silvano Calugi, a Varis Rossi, Vittorio Bugli, Luciana Cappelli e Brenda Barnini e gli assessori: Luciano Ferri, Alberto Fluvi, Piero Meacci, Gianni Cerrini, Massimo Giraldi, Eleonora Caponi e Brenda Barnini che nel primo mandato aveva la delega della scuola.
Pensando agli eventi di cui è rimasto piacevolmente coinvolto e gratificato: il riconoscimento di ‘Città sostenibile delle bambine e dei bambini’; il nuovo Centro Cottura considerato uno dei Centri più all’avanguardia della nostra Regione, per efficienza; lo sviluppo dell’assistenza all’handicap; il sostegno all’intercultura e alla genitorialità.

"Quello che non potrò mai dimenticare – ha detto Rodolfo – è la trasformazione dell’ufficio scuola voluta dalla passione che abbiamo sempre messo nel nostro lavoro quotidiano, tanta dedizione e disponibilità nello svolgere bene e al meglio i nostri compiti. Non mi sono mai sentito solo. Abbiamo cercato di creare una squadra, un team di colleghi che erano amici e questa complicità, conoscendoci l’uno nell’altro ha fatto nascere un luogo di lavoro unico di cui personalmente andrò fiero e che mai potrò dimenticare. Il segreto – e conclude – è essere un insieme di persone che lavorano per lo stesso obiettivo e si completano nel tempo".

Da parte del sindaco Brenda Barnini, della giunta e di tutto il personale dell’amministrazione comunale un caloroso ringraziamento.



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cronaca

Cronaca