QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 15°25° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 ottobre 2019

Attualità sabato 07 settembre 2019 ore 08:39

Sulla Statale spuntano isole e birilli

Realizzati dei restringimenti all’ingresso della frazione e in prossimità dei passaggi pedonali di Camaioni, per la sicurezza dei cittadini



MONTELUPO FIORENTINO — La frazione di Camaioni ha una conformazione molto particolare, si dipana lungo la Strada Statale 67, è quindi attraversata da una delle più importanti vie di comunicazione del territorio. Ciò inevitabilmente può causare problemi per la sicurezza stradale, anche perché le vetture sfrecciano a velocità elevate.

I residenti hanno più volte segnalato il problema all’amministrazione comunale, assieme anche ad altre difficoltà della frazione. La soluzione che è sembrata essere quella più adeguata è quella di creare dei restringimenti di carreggiata usando dei “birilli” in plastica. Un sistema che già sperimentato anche su via Maremmana sembra funzionare: i restringimenti in mezzo alla corsia danno percezione all'automobilista che sta entrando in centro abitato.

"I cartelli posti all’ingresso della frazione indicano chiaramente il limite di 50 km/h - ha osservato il sindaco, Paolo Masetti -; una velocità che non viene rispettata in molti casi con rischi per la sicurezza dei pedoni. La problematica ci è stata segnalata più volte. L'ufficio progettazione del comune ha elaborato 3 progetti di sicurezza stradale di diversa complessità".

"Quello realizzato è il primo livello che siamo riusciti a finanziare subito - ha specificato il sindaco parlando delle "isole" di Camaioni -. Gli altri potrebbero essere affrontati in futuro, dopo aver effettuato un monitoraggio sull'efficacia di questo. Anche per la realizzazione di questo piccolo intervento è stato necessario il nullaosta di Anas, proprietario della strada. Saremmo voluti intervenire in più punti, ma Anas ci ha imposto di ridurre il numero degli attraversamenti pedonali interessati. Pur con accorgimenti, anche minimi, è possibile ottenere risultati efficaci.
Alcune persone hanno chiesto come mai non abbiamo collocato in quel tratto un misuratore di velocità. La risposta è che semplicemente non possiamo farlo".



Tag

«L'abbraccio», la storia mai raccontata del giudice Saetta e del figlio uccisi dalla mafia diventa un film

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

Cronaca

Attualità