Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:41 METEO:EMPOLI9°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 07 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki scarcerato, il video del pianto di gioia della madre e della sorella dopo la sentenza

Attualità giovedì 28 ottobre 2021 ore 10:52

Capitale della cultura nel segno del dodecaedro

Il simbolo di Vinci Capitale della Cultura 2024
Il simbolo di Vinci Capitale della Cultura 2024

È un dodecaedro stellato, emblema del paesaggio leonardiano, il simbolo con il quale Vinci si candida a rappresentante italiana della cultura per il 2024



VINCI — È un dodecaedro stellato il simbolo con il quale Vinci si candida a Capitale italiana della Cultura 2024. L'immagine nasce da uno studio approfondito del contesto filosofico in cui visse e operò Leonardo, ma anche da un'indagine sul territorio. Il dodecaedro è infatti la figura geometrica analizzata nel Codice Atlantico, è il solido platonico che rappresenta l'universo. Nella sua variante stellata lo si ritrova anche simbolo ricorrente del paesaggio vinciano.

Sempre lavorando sugli input della vasta e sfaccettata cultura scientifica del genio, è stato elaborato il dossier di candidatura Vinci 2024 – Cultura dell'Impossibile, che verrà svelato nei prossimi giorni. Un titolo che racchiude una sfida: partire dall'eredità di Leonardo per riconoscere nel suo percorso una direzione di sviluppo contemporaneo. In esso il termine “impossibile” evoca qualcosa di non consentito entro o oltre i limiti della conoscenza, mentre il sostantivo “cultura” si riferisce al patrimonio delle esperienze acquisite e condivise. Cultura dell’Impossibile vuol significare partire dalla consapevolezza di ciò che si conosce per immaginare e di qui costruire un futuro che non c’è.

“L’idea sulla quale poggia la candidatura di Vinci è reinterpretare Leonardo a favore di una visione contemporanea che allontani dall’approccio celebrativo con cui spesso si promuove il genio e che metta al centro i campi in cui Leonardo ha eccelso: arte, scienza e tecnica”, dice il sindaco Giuseppe Torchia. “Ma noi guarderemo anche oltre, a quello che vorremmo che fosse il futuro di Vinci. L'eredità del genio ci porterà a valorizzare i talenti di questo territorio e l'attitudine imprenditoriale, in un'ottica di crescita sostenibile e di rispetto per le risorse ambientali globali. Del resto è stato proprio Leonardo a trasmetterci la bellezza e la profondità dell'universo. Noi non siamo che una sua piccola parte, ma attraverso questa candidatura potremo dare un contributo fondamentale”.

“Vinci 2024 inaugura una fase di rilancio culturale e di sviluppo del territorio, nella quale l’eredità leonardiana si inquadra armonicamente con la tutela del paesaggio facendo leva su progetti artistici e culturali che catalizzeranno numerosi investimenti e promuoveranno la formazione e il benessere dei cittadini. Un'occasione dunque per dimostrare come la cultura possa essere trasformata in un volano per generare nuova conoscenza e nuova creatività, per avviare processi virtuosi di crescita e sviluppo”, afferma Sara Iallorenzi, vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Vinci.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto Marino Pedani l'ultimo partigiano di Vinci, il saluto del sindaco Giuseppe Torchia. Pedani era presidente onorario dell'Anpi locale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità