QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi -3°2° 
Domani -3°3° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
domenica 16 dicembre 2018

Politica mercoledì 10 ottobre 2018 ore 15:10

"Pillola abortiva, non si arretri sui diritti"

Il consigliere regionale Enrico Sostegni (Pd) chiede di ripristinare la somministrazione della pillola Ru486 all'ospedale San Giuseppe



EMPOLI — "La legge 194 rappresenta ancora oggi per il nostro Paese una frontiera avanzata di civiltà e diritti - queste le parole del consigliere regionale del Partito democratico Enrico Sostegni -, nella quale la pillola Ru486 ha pieno diritto di cittadinanza. Per questo occorre rimuovere al più presto eventuali ostacoli tecnici e logistici che hanno portato a sospendere l’utilizzo di questo farmaco a Empoli, che, ricordo, è stato il secondo ospedale in Toscana a farne uso".

Sostegni si dice preoccupato per la mancata somministrazione della pillola abortiva negli ospedali di Empoli, Pisa, Lucca e Versilia, come riportato recentemente da alcuni organi di stampa, e annuncia di voler presentare un’interrogazione. In particolare, il consigliere dem si rivolge ai vertici dell’Azienda sanitaria e dell’ospedale San Giuseppe di Empoli, affinché anche in questa struttura ci si allinei a quanto accade negli altri nosocomi toscani, dove il 30% degli aborti viene eseguito per via farmacologica. 

"Ad Empoli – ha detto in proposito – ci sono circa duecento aborti, ma per nessuno di questi casi è previsto l’utilizzo della Ru486. Se esistono delle difficoltà di carattere organizzativo è necessario che si lavori per risolverle immediatamente, coinvolgendo tutti i professionisti e le professionalità presenti nella struttura che possono consentire una pronta ripresa del servizio".

Il consigliere ricorda anche come la Toscana sia stata "la prima regione ad importare la pillola Ru486 ed a sperimentarne l’uso, aprendo di fatto la strada all’utilizzo in tutta Italia del farmaco come alternativa all’intervento chirurgico", per questo, aggiunge, "l’impostazione e gli indirizzi che la nostra regione ha dato con questa scelta non devono far segnare un arretramento ma casomai un rafforzamento".

"Si parla di diritti e di un contesto, quello toscano, in cui lo spirito della legge 194 è pienamente interpretato e in cui l’aborto non è e non può essere un metodo anticoncezionale ma un evento drammatico nella vita di una donna che una società evoluta come la nostra ha il dovere di rendere più sopportabile sotto tutti gli aspetti, a partire da quello fisico e psicologico. E la diffusione della Ru486 va proprio in questa direzione. Il numero delle interruzioni di gravidanza nella nostra regione è in diminuzione, e questo dimostra che occorre sempre più rafforzare il ruolo dei consultori ed agire soprattutto a livello culturale, diffondendo ad esempio tra i più giovani la conoscenza e l’educazione su questi temi e accelerando in Consiglio regionale il confronto sulla gratuità della contraccezione, oggi più urgente anche in conseguenza di una ripresa della diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili", conclude Sostegni.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca