Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:EMPOLI9°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Attualità mercoledì 01 dicembre 2021 ore 09:34

Il dono della cera alla Collegiata per Sant'Andrea

Il sindaco Brenda Barnini alla funzione religiosa "Don Guido nella sua omelia ha parlato del percorso per costruire il distretto dell’economia civile"



EMPOLI — Il Comune di Empoli ha donato alla Chiesa della Collegiata un cero per le celebrazioni liturgiche, la tradizione che va avanti da secoli si è tenuta per la giornata del Santo Patrono, nella chiesa di Sant’Andrea. Il sindaco di Empoli Brenda Barnini ha donato a Don Guido Engels un cero durante la cerimonia officiata da tutti i sacerdoti delle parrocchie di Empoli.

Alla funzione religiosa erano presenti, oltre al primo cittadino, amministratori e consiglieri comunali.

"E’ un onore per me - ha detto il sindaco di Empoli dall’altare del Duomo - rinnovare questa tradizione che non cela la grande collaborazione che da sempre va avanti tra il Comune e la chiesa locale. Don Guido nella sua omelia ha parlato del percorso che stiamo facendo insieme per costruire il distretto dell’economia civile e dei tanti progetti che vedono amministrazione, terzo settore, impresa e mondo del volontariato collaborare. Dobbiamo ripartire insieme dopo questi difficili mesi e farlo all’insegna della fraternità, uguaglianza e libertà. È bello sapere di poter essere ogni giorno partecipi di un disegno più grande che tende verso il bene comune".

L'usanza che il Comune doni un cero alla chiesa della Collegiata ha origini molto antiche.

Nel libro del Proposto di Empoli Monsignor Gennaro Bucchi, dal titolo ‘Guida di Empoli illustrata’, pubblicazione del 1906, parlando della Collegiata, scrive "Nel giorno della festa di questo santo[patrono] veniva fatta l'offerta dal Comune, dalle milizie e dalle Arti della lana, speziali, fondachi, rigattieri e sarti, merciai, velettai e cappellai, legnaiuoli, muratori e pizzacagnoli, fabbri e maniscalchi, cuoiai e calzolai, tessitori e battilana, osti e beccai, fornai e panattieri, uccellatori e navicellai...".

Da un documento del XVIII secolo emerge come il Comune continuò a stanziare annualmente la spesa per 6 libbre di cera da donare alla Chiesa della Collegiata (nel 1791 la spesa fu di lire 15.16).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il primo cittadino di Certaldo ha raccontato i giorni di isolamento a casa dopo il tampone positivo "Ho passato 5 giorni con sintomi abbastanza forti"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità