Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:58 METEO:EMPOLI10°20°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità martedì 21 aprile 2015 ore 13:56

​La Liberazione nelle memorie dei certaldesi

Una mostra multimediale ripercorre la storia di quegli anni. Il Comitato della Memoria ha ottenuto il contributo regionale per le proprie iniziative



CERTALDO — In occasione del settantesimo anniversario della Liberazione, il Comitato della Memoria di Certaldo, in collaborazione con l'amministrazione comunale, presenta la mostra multimediale “Certaldo: gli anni difficili della guerra”, una raccolta delle testimonianze di certaldesi che hanno vissuto la seconda guerra mondiale in prima persona. La mostra sarà inaugurata nella Saletta di via II giugno venerdì 24 aprile alle ore 17 e potrà essere visitata fino al 26 aprile, con orario 9-13 e 17-20, ingresso libero.

Il Comitato della Memoria si è costituito lo scorso gennaio e vi fanno parte SpiCgil, Auser, Associazione Polis, sezione soci Coop di Certaldo, ANPI, Circolo delle Idee e il Comune di Certaldo (nella foto alcuni dei rappresentanti). Per poter organizzare queste iniziative il Comitato ha anche partecipato al bando della Regione Toscana (legge regionale n.7 del 5 febbraio 2014) e ottenuto un finanziamento di 1.550 euro, classificandosi al 4° posto su un totale di 25 progetti finanziati.

“Certaldo: gli anni difficili della guerra” è una mostra multimediale che raccoglie le testimonianze fotografiche di Fotostudio Bartalini, una video intervista realizzata a Marcello Masini, una riflessione poetica di Angelo Bartalucci e alcune testimonianze di persone scomparse che hanno vissuto il dramma della guerra ovvero: il diario di Danilo Borghini, le memorie di Renato Niccolini sulla Campagna di Russia e le memorie di Umberto Mezzetti sulla Campagna di Croazia. La mostra è stata realizzata anche grazie alla collaborazione di Promocultura.

Oltre alla mostra il Comitato ha organizzato per sabato 25 aprile alle 21.30, a I Macelli, lo spettacolo teatrale “Chicchi – Teresa Mattei la ragazze della Mimosa”, a cura della compagnia teatrale Quint&ssenza e la regia di Sandro Billeri. La narrazione ripercorre la vita di Teresa Mattei impegnata nella Resistenza prima come staffetta poi come partigiana, ebbe un ruolo fondamentale nella ricostruzione dell'Italia fu, infatti, la più giovane parlamentare della Costituente ed è sempre stata in prima linea nella difesa delle donne.

“Siamo molto felici del risultato del lavoro fatto che confluisce in questa mostra – ha commentato il presidente del Comitato della Memoria, Franco Belli – soprattutto perché siamo riusciti a riunire testimonianze esclusive di certaldesi che raccontano fatti ed esperienze diverse, come la Campagna di Russia, o il diario di Danilo Borghini che racconta la vita quotidiana a Certaldo durante la seconda guerra mondiale. Un sentito grazie va, a nome di tutto il Comitato, alle famiglie che hanno condiviso con noi i loro ricordi e ci hanno permesso di realizzare questa mostra. Naturalmente le attività del Comitato non si limiteranno solo al 25 aprile, ma approfondiremo il concetto di memoria in senso più ampio, sia cronologico che tematico, a partire dai temi legati alla legalità”. Fa parte del progetto anche uno spettacolo teatrale realizzato dalle scuole, per la regia di Carlo Romiti, che andrà però in scena a giugno.

L'amministrazione comunale ha sottolineato come le celebrazioni di quest'anno abbiano un significato particolare poiché si ricorda il settantesimo anniversario della Liberazione. Un grazie va al Comitato per il lavoro sulla memoria che ha avviato, rendendo protagonisti i cittadini come portatori di valori e di storia. Le associazioni e i cittadini hanno trovato una nuova forma di coinvolgimento e l'invito dell'Amministrazione e del Comitato è quello di continuare a collaborare e a condividere le esperienze di quel periodo storico per mantenerle vive nel tempo.

Parallelamente a questa iniziativa, sabato 25 aprile si svolgeranno le consuete celebrazioni istituzionali: alle ore 8:00 la deposizione della corona alle tombe dei partigiani al Fiano alla presenza della Filarmonica G. Verdi di Marcialla, ore 9:00 Messa in suffragio dei caduti nella Chiesa di San Tommaso a Certaldo, ore 10:00 corteo per le vie del centro con la Filarmonica G. Verdi con le autorità e le associazioni, ore 10.30 deposizione della corona al Sacello ai caduti in piazza della Libertà, ore 11 presso l'auditorium della Scuola dell'Istituto Comprensivo si terrà la presentazione dei lavori degli alunni delle terze classi e la performance: “Proibito dimenticare: Ricordare per essere liberi”; ore 12.30 deposizione delle corone alle tombe dei partigiani nel cimitero comunale.

Nell'ambito del protocollo d'intesa per le Celebrazioni della Liberazione, sottoscritto dai Comuni di Barberino Val d'Elsa, Castelfiorentino, Certaldo, Colle Val d'Elsa, Poggibonsi e San Gimignano, il Comune di Certaldo parteciperà giovedì 23 aprile alla iniziativa d'area rivolta alle scuole secondarie presso il Teatro Politeama di Poggibonsi (comune capofila delle celebrazioni per il 2015), sempre a Poggibonsi, l'Associazione Anthos parteciperà al raduno cittadino che si svolgerà sabato 25 aprile dalle ore 11.45.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli ispettori e la polizia municipale sono intervenuti a seguito della segnalazione dei cittadini che hanno notato la discarica lungo la strada
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità