QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 12°20° 
Domani 11°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
giovedì 17 ottobre 2019

Attualità martedì 06 agosto 2019 ore 14:55

Emergenza sangue, appello per nuove donazioni

Questa mattina l'incontro con le associazioni coinvolte e l’assessore alle politiche sociali e sanità Torrini. Ecco come e quando donare



EMPOLI — L’emergenza è purtroppo continua. La carenza di donatori di sangue, plasma e piastrine si fa sentire soprattutto nel periodo estivo, quando cominciano le vacanze. Ma la malattia non prende ‘ferie’ e l’emergenza delle donazioni di sangue resta, non riuscendo a soddisfare tutte le necessità.

E’ stato questo il tema dell’incontro che si è svolto questa mattina in Comune tra Valentina Torrini, assessora al sociale e alla sanità e i rappresentanti delle associazioni impegnate da sempre nella sensibilizzazione: Avis (associazione volontari italiani del sangue) Comunale di Empoli, Anpas (associazione nazionale Pubbliche Assistenze) Empoli, Fratres (consociazione nazionale dei gruppi donatori di sangue "Fratres" delle Misericordie d'Italia), C.R.I. (Croce Rossa Italiana) e i medici di famiglia.

Insieme hanno lanciato un appello: "Donate prima di partire per le meritate ferie, perché la malattia non va in vacanza. Pensate a donare il sangue e il plasma perché è grazie a voi che migliaia di persone vivono la propria vita. La donazione è un grande gesto anonimo, volontario, gratuito e consapevole. Non abbiate paura, donate, soprattutto voi giovani che siete la nostra speranza".

Per donare alla C.R.I. basta una telefonata al numero 0571/526538 e prenotarsi per la donazione. Anche all’Anpas si può chiamare al numero 0571/9806, prendere un appuntamento e andare a donare. all’Avis si chiama il numero 0571/993608 per prendere un appuntamento. Alla FRATRES si prenota la propria donazione al numero del call center 0587/273089 oppure 3776889878. Tutte le prenotazioni per le donazioni vanno ai Centri Trasfusionali del territorio che sono: Empoli, Castelfiorentino e Fucecchio.

L’assessore Valentina Torrini sta pensando ad iniziative di sensibilizzazione partendo subito a settembre, coinvolgendo i giovani, gli studenti affinché si facciano loro stessi promotori di una nuova campagna di sensibilizzazione sull'importanza della donazione. “Donare è un gesto prezioso, che consente ogni anno di salvare moltissime vite. L'emergenza riguarda in particolar modo l'estate, periodo in cui le persone che donano sono meno, ma la malattia non va in vacanza e il sangue e i suoi componenti sono una risorsa indispensabile per la cura. Sottoporsi a una donazione di sangue richiede dieci minuti e non comporta rischi per la propria salute. È possibile prenotare il dono prima di partire per le vacanze contattando una delle associazioni del territorio. La donazione è un atto di civiltà, un atto altruistico e contribuisce anche a prenderci cura di noi”. 

Anche Alessandra Svorgi della C.R.I. ha sottolineato quanto sia importante coinvolgere i giovani per incrementare il numero delle donazioni, per questo molte delle loro compagne sono concentrate su di loro. Gianna Tofanelli dell’Anpas Empoli ricordando che donare è un bellissimo gesto d'amore, ha menzionato come già dallo scorso anno l'Anpas abbia ideato un progetto nel liceo artistico dell'Istituto di Istruzione Superiore "Virgilio", nel quale ciascuno dei ragazzi coinvolti ha rappresentato in un dipinto il tema della donazione del sangue. Le opere sono state esposte a lungo nel centro trasfusionale. 

Sergio Antonini, figura storica dell’Avis di Empoli, ha descritto un quadro abbastanza sconcertante: purtroppo il numero di donazioni di sangue e plasma rispetto al passato è in diminuzione, ecco perché abbiamo bisogno di più donazioni. Sono aumentati i donatori occasionali, mentre si registra una flessione di quelli continuativi. Angiolo Giaccio dell'associazione Fratres ha puntato l'accento sull'importanza della donazione non soltanto del sangue, ma anche del plasma per garantire le scorte ed evitare rinvii di interventi chirurgici programmati. Ha inoltre ricordato quanto sia fondamentale donare il plasma, perché ci sono medicinali che vengono prodotti solo con il plasma umano. Si pensi a quanto sia fondamentale il plasma per coloro che hanno subito gravi ustioni. 

Donare è salvare la vita, ma è anche qualcosa di più. Come ci ricorda infatti Antonio Fanciullacci, coordinatore di AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) di Empoli: noi medici di famiglia dobbiamo insistere di più sulla prevenzione e la donazione di sangue ne è uno dei capisaldi.



Tag

Migranti, naufragio a Lampedusa: i corpi ritrovati tra robot e lacrime

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità