QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 10°13° 
Domani 24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
domenica 21 ottobre 2018

Attualità domenica 05 agosto 2018 ore 06:50

​Acqua pubblica, ordinanza contro gli sprechi

Vietati gli usi impropri fino al 31 agosto. Sanzioni da 100 a 500 euro. Il sindaco raccomanda: "Ridurre al minimo indispensabile il consumo"



MONTESPERTOLI — “È fatto assoluto divieto su tutto il territorio comunale di utilizzare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico­-domestici”.

È quanto si legge nell'ordinanza sindacale firmata dal primo cittadino di Montespertoli, Giulio Mangani, che vieta l'utilizzo dell'acqua pubblica nel periodo che va dall’1 al 31 agosto, per attività come l'innaffiamento di prati e giardini o il lavaggio della propria autovettura, fatte salve le specifiche esigenze legate a cicli di produzione.

Chiunque violi il provvedimento è sottoposto all’applicazione della sanzione amministrativa che va da 100 a 500 euro. La polizia locale e il personale dipendente del gestore con funzioni di vigilanza sono incaricati dei relativi controlli. Durante il periodo di validità della presente ordinanza, restano comunque fermi gli obblighi e i divieti previsti nel regolamento regionale Ddgr n. 29/R del 26/05/2008. Pertanto, il sindaco raccomanda di ridurre al minimo indispensabile il consumo idrico domestico.

L'ordinanza, richiesta dall’Autorità Idrica Toscana per il periodo estivo, scaturisce dalla necessità di tutelare le riserve idropotabili a disposizione per l’approvvigionamento durante il periodo estivo, particolarmente critico a causa dell’aumento delle temperature, della scarsità delle precipitazioni, dell’aumento dei consumi per attività turistiche e irrigue.

Contro tale provvedimento è possibile fare ricorso al Tar della Toscana entro 60 giorni, decorrenti dalla data di pubblicazione dell'atto o ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, sempre decorrenti dalla data di pubblicazione del provvedimento.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Imprese & Professioni

Attualità