Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:EMPOLI11°18°  QuiNews.net
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Cultura sabato 25 settembre 2021 ore 15:16

Una mostra sulle tracce dei seguaci di Giotto

Due pale medievali
Le opere a confronto
Foto di: Stefano Casa

Apre i battenti domani l'itinerario espositivo al Museo d'Arte Sacra nell'ambito del progetto Terre degli Uffizi. A confronto due opere medievali



MONTESPERTOLI — Si intitola Seguaci di Giotto in Valdelsa ed è allestita (da domani, domenica 26 settembre al 6 gennaio) al Museo d'Arte Sacra di San Piero in Mercato a Montespertoli la quarta mostra del progetto Terre degli Uffizi che apre i battenti domani, domenica 26 Settembre per proseguire fino al 6 Gennaio 2022. 

La mostra mette a confronto due rare opere medievali: una Madonna col Bambino (c. 1315- 1320) dipinta da Lippo di Benivieni, e parte di un celebre polittico della famiglia degli Alessandri, in prestito dagli Uffizi e una Madonna col Bambino (c.1310-1315), di dimensioni quasi identiche, custodita nel Museo di Arte Sacra a San Pietro in Mercato a Montespertoli. Questo secondo dipinto si trovava, in origine, nella chiesa di San Lorenzo a Montegufoni, nei pressi del castello dove durante la Seconda guerra mondiale vennero nascosti tanti capolavori dei musei di Firenze, per ripararli dai bombardamenti e dal passaggio degli eserciti. 

L’opera è stata attribuita da alcuni studiosi al pittore Lippo di Benivieni, un fantasioso ed espressivo seguace di Giotto del quale non si sono trovate ancora molte notizie documentarie. La tavola degli Uffizi è invece parte di un polittico smembrato, che era stato originariamente realizzato per la distrutta chiesa di San Pier Maggiore a Firenze.

I due dipinti, eseguiti all’epoca in cui Giotto dominava la scena artistica italiana, presentano molti elementi in comune, oltre alla maniera affettuosa e umanissima con cui è interpretato il soggetto della Madonna col Bambino. Entrambe le tavole, oggi ridotte nelle dimensioni, costituivano la parte centrale di strutture complesse, a più comparti, sebbene solo del dipinto degli Uffizi si conoscano le parti laterali, che rappresentavano i santi Pietro, Paolo, Zanobi e Benedetto.

La mostra - nella cornice del progetto ideato e realizzato dalle Gallerie degli Uffizi e da Fondazione Cr Firenze all’interno dei rispettivi progetti Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei - è stata presentata stamani dal sindaco di Montespertoli Alessio Mugnaini, dal Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, dal Presidente del Consiglio regionale della Toscana Antonio Mazzeo, dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, dal delegato alla cultura dell’Unione Comuni Empolese Valdelsa Giacomo Cucini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, 79 anni, è deceduta in ospedale dove era arrivata ieri in codice rosso dopo la caduta da una spalletta mentre era in visita al borgo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS