comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
EMPOLI
Oggi 18°25° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News empolese, Cronaca, Sport, Notizie Locali empolese
martedì 22 settembre 2020
Giani
863.611
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.667
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
De Luca: «Risultato orgoglio di Napoli e della Campania»

Cronaca venerdì 19 gennaio 2018 ore 14:00

Arancia meccanica tra minorenni sul treno

Bullismo e violenza gratuita con pugni, calci e offese razziste nei confronti di un ragazzino. A salvarlo dal pestaggio due ragazzi senegalesi



FIRENZE — Il 23 dicembre intorno alle 16, su un treno Vivalto diretto a Firenze e partito da Pisa, si è verificata un'aggressione nei confronti di un minorenne di nazionalità cinese residente nel comprensorio del cuoio. A picchiare, pestare e rivolgere offese razziste al ragazzo sono stati due giovani di 14 e 17 anni, anche loro del comprensorio, che già altre volte erano stati segnalati alle forze dell'ordine per comportamenti di bullismo simili.

La polizia ferroviaria ha ricostruito i fatti utilizzando anche i filmati delle videocamere del treno. Il giovane picchiato stava andando con amici a fare una gita a Firenze quando sul treno ha incontrato i due ragazzi di 14 e 17 anni. 

I due hanno iniziato a molestarlo e offenderlo. Il giovane ha fatto finta di nulla e ha continuato a camminare nel vagone ma è stato afferrato da dietro da uno dei due mentre l'altro lo ha picchiato con un pugno. Nel frattempo volavano anche offese razziste.

Il pestaggio è stato interrotto da due ragazzi senegalesi che sono intervenuti per fermare i due bulli. Nel frattempo un amico del minorenne ha chiamato la polizia.

Giunti a Santa Maria Novella il giovanissimo, in stato di choc, ha raccontato l'episodio alla polizia ferroviaria. E' stato curato dal 118 e portato all'ospedale. Ha riportato numerose ferite. 

I due aggressori erano scesi a Empoli, fuggendo. Tuttavia la sera stessa il gruppo di amici ha di nuovo incontrato i due bulli in treno. Quest'ultimi hanno iniziato ad inveire e minacciare i ragazzi perché avevano avvisato la polizia, esigendo di vedere i telefoni per esaminare la cronologia delle telefonate. A quel punto sono intervenuti i genitori che hanno evitato un'altra brutta situazione.

La polizia ha spiegato che i due aggressori non sono nuovi a episodio di becero bullismo. Vista la gravità dei fatti il Procuratore della Repubblica Sangermano ha deciso di denunciare i due ragazzi per reati di lesioni personali in concorso a valenza razzista e violenza privata aggravata.

La polizia ha reso noto che nelle immagini delle videocamere si vedono i due aggressori che ridono soddisfatti del pestaggio appena fatto.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca